Concorso DSGA 2018, bando in uscita in primavera: posti, requisiti e prove

In uscita a primavera il bando di concorso per DSGA: sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale dopo i dati definitivi sui pensionamenti. Potranno partecipare anche gli assistenti amministrativi senza laurea.

Concorso DSGA 2018, bando in uscita in primavera: posti, requisiti e prove

Il concorso per DSGA - finalizzato al reclutamento di nuovi Direttori dei Servizi Generali e Amministrativi della scuola - per l’anno scolastico 2018-2019, uscirà in primavera; lo ha confermato OrizzonteScuola.it, secondo il quale il bando verrà pubblicato in Gazzetta Ufficiale non appena saranno ufficializzati i dati dei pensionamenti.

Ancora poche settimane e poi il concorso per DSGA sarà realtà, dopo diversi anni d’attesa; d’altronde questo era auspicabile dal momento che le risorse necessarie per la selezione sono state stanziate nella Legge di Bilancio 2018 e la stessa Ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli ha annunciato l’uscita del bando in primavera.

Quindi quest’anno per chi sogna di lavorare nella scuola - ricoprendo un ruolo molto importante - c’è l’opportunità rappresentata dal concorso pubblico per il reclutamento di nuovi DSGA.

La stessa Ministra dell’Istruzione - Valeria Fedeli - in più di un’occasione ha parlato di questo concorso, svelando anche il numero di posti più alcuni dei requisiti.

Gli stessi requisiti sono stati confermati dal Decreto Fiscale della Legge di Bilancio, con il quale è prevista anche una deroga per gli assistenti amministrativi con almeno 3 anni di servizio, i quali potranno partecipare al concorso per DSGA indipendentemente dal possesso di una laurea.

Questa è un’ottima opportunità di lavoro poiché il Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi ricopre un ruolo molto importante all’interno della scuola.

Vediamo nel dettaglio chi è il Direttore Amministrativo, quanto guadagna e tutto quello che c’è da sapere sul concorso pubblico in uscita nel 2018.

Chi è e quanto guadagna il DSGA?

Gerarchicamente parlando, nelle scuole il DSGA è la figura direttiva più importante dopo il Dirigente Scolastico. Già questo ci fa capire l’importanza e la complessità del suo ruolo. Nel dettaglio, il Direttore Amministrativo svolge le seguenti funzioni:

  • sovrintende i servizi generali amministrativo-contabili curandone l’organizzazione;
  • coordina il personale ATA a cui può attribuire incarichi di natura organizzativa nel rispetto delle direttive fornite dal Dirigente scolastico;
  • svolge attività di istruzione, predisposizione e formalizzazione degli atti amministrativi contabili;
  • è funzionario delegato, ufficiale rogante e consegnatario dei beni mobili;
  • gli potrebbero essere assegnati degli incarichi ispettivi nell’ambito delle istituzioni scolastiche.

Un lavoro ricco di responsabilità, per cui è previsto un buono stipendio. Nel dettaglio, il Direttore Amministrativo, che per legge ha un orario di lavoro di 36 ore settimanali, guadagna 1.853,23€ di retribuzione base a cui vanno aggiunte le indennità, le retribuzioni accessorie e l’anzianità.

Posti a disposizione

Non ci sono ancora notizie ufficiali sul numero di posti a disposizione per il concorso DSGA. Nelle scorse settimane Valeria Fedeli ha anticipato che i numeri di posti a bando saranno 1.700, un numero superiore alle previsioni dei mesi scorsi.

Tuttavia a questi 1.700 posti vacanti bisognerebbe aggiungere altri 700 posti che saranno lasciati liberi con i pensionamenti, per un totale di 2.400.

Per conoscere quale sarà il numero preciso dei posti, quindi, bisognerà attendere l’uscita del bando ufficiale, per il quale ormai sembra sia arrivato il momento tanto atteso.

Requisiti e prove da sostenere

Al concorso potrà partecipare solo chi ha un diploma di laurea in giurisprudenza, economia e commercio o in scienze politiche, sociali o amministrative.

Sono ammessi anche i seguenti diplomi di laurea specialistica:

  • LS-22;
  • LS-64;
  • LS-71;
  • LS-84;
  • LS-90;
  • LS-91.

Nel decreto fiscale viene specificato che la selezione sarà aperta anche agli assistenti amministrativi che negli ultimi 8 anni hanno maturato 36 mesi di esperienza ricoprendo le funzioni del DSGA (ma non sappiamo se per loro ci sarà una quota di posti riservata).

Il concorso dovrebbe essere strutturato in tre prove: una preselettiva con 100 domande a risposta multipla più uno scritto e un orale.

Alla prova scritta il candidato dovrà dimostrare la sua preparazione nelle seguenti discipline:

  • Organizzazione della Repubblica e organizzazione del sistema istruzione
  • Diritto Amministrativo,
  • Contabilità di Stato
  • Diritto Pubblico.

Nella prova orale, invece, verrà dato spazio ad argomenti più specifici, come:

  • decentramento amministrativo;
  • autonomia scolastica;
  • regolamento di contabilità;
  • norme di sicurezza nei luoghi di lavoro;
  • rapporto di lavoro nel comparto scuola;
  • codice della privacy.

Inoltre, nel colloquio bisognerà dimostrare la conoscenza di una lingua straniera tra Inglese, Francese, Tedesco e Spagnolo, e di saper usare le apparecchiature e le applicazioni informatiche più diffuse.

Iscriviti alla newsletter "Lavoro" per ricevere le news su Concorsi pubblici

Condividi questo post:

Commenti:

Prova gratis le nostre demo forex

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Potrebbero interessarti

Stefania Manservigi -

Concorso Ministero dei Trasporti, bando per 148 Ingegneri da assumere a tempo indeterminato

Concorso Ministero dei Trasporti, bando per 148 Ingegneri da assumere a tempo indeterminato

Commenta

Condividi

Simone Micocci

Simone Micocci

1 settimana fa

Concorso scuola per docenti con 3 anni di servizio, anteprima decreto: requisiti, prove e novità

Concorso scuola per docenti con 3 anni di servizio, anteprima decreto: requisiti, prove e novità

Commenta

Condividi

Simone Micocci

Simone Micocci

3 settimane fa

Concorso Polizia 2018 concluso? Graduatoria finale domani in Gazzetta Ufficiale

 Concorso Polizia 2018 concluso? Graduatoria finale domani in Gazzetta Ufficiale

Commenta

Condividi