Concorsi pubblici: sblocco graduatorie degli idonei dal 2011

Per i concorsi pubblici e per gli idonei di vecchie selezioni arriva lo sblocco delle graduatorie come previsto da un emendamento inserito nella Legge di Bilancio 2020.

Concorsi pubblici: sblocco graduatorie degli idonei dal 2011

Per gli idonei dei vecchi concorsi pubblici arriva lo sblocco delle graduatorie a partire dall’anno 2011.

Una buona notizia per chi già a partire da 8 anni fa ha superato le selezioni concorsuali risultando idoneo, ma non ha ottenuto l’agognato posto di lavoro.

Lo sblocco delle graduatorie è previsto da un emendamento all’interno della Legge di Bilancio 2020.

L’emendamento, approvato dalla commissione di Bilancio del Senato, stabilisce lo sblocco delle graduatorie già a partire dagli idonei del 2011 dopo che nel 2010 era partito il blocco delle assunzioni.

Oggi si vuole favorire il turn over nella Pubblica Amministrazione grazie anche ai pensionamenti con Quota 100 e al Decreto concretezza della ex ministra della PA Giulia Bongiorno.

Nei prossimi anni sono previsti almeno 500mila assunzioni grazie ai moltissimi concorsi pubblici attivi e a quelli che ancora devono essere banditi. Vediamo in cosa consiste lo sblocco delle graduatorie per i vecchi idonei dei concorsi pubblici a partire dal 2011.

Sblocco graduatorie «vecchi» idonei concorsi pubblici: una nuova selezione

Lo sblocco delle graduatorie per gli idonei dei concorsi pubblici a partire dal 2011 avverrà sulla base di scadenze temporali ben definite. Come stabilito dall’emendamento inserito in manovra e approvato dalla Commissione di Bilancio del Senato coloro che sono risultati idonei nei vecchi concorsi pubblici, ma che a causa del blocco delle assunzioni non hanno potuto ottenere il posto di lavoro, ora potrebbero essere assunti.

L’assunzione però non sarà immediata nonostante i numerosi pensionamenti previsti grazie a Quota 100 e lo sblocco del turn over dello scorso 15 novembre (era bloccato dal 2010) portino alla necessità di dover colmare i vuoti con nuovo personale.

Gli idonei dei concorsi pubblici a partire dal 2011 non saranno subito inseriti perché per loro è prevista una nuova selezione. Essi dovranno dapprima frequentare un corso di formazione e aggiornamento e sottoporsi successivamente a un ulteriore esame-colloquio per verificare se l’idoneità rilevata anni prima sia ancora valida.

Possiamo dire tuttavia che questa è una chance importante per chi aspetta un posto di lavoro ormai da diversi anni. Vediamo quali sono le scadenze temporali per lo sblocco delle graduatorie dei vecchi idonei dei concorsi pubblici.

Le scadenze temporali per lo sblocco delle graduatorie dei concorsi pubblici

Lo sblocco delle graduatorie per i «vecchi» idonei dei concorsi pubblici come previsto dall’emendamento in Legge di Bilancio 2020 avverrà sulla base di determinate scadenze temporali. Le scadenze sono così ripartite:

  • le graduatorie approvate nel 2011 saranno utilizzabili fino al 30 marzo 2020;
  • le graduatorie approvate dal 2012 al 2017 saranno utilizzabili fino al 30 settembre 2020;
  • le graduatorie approvate nel 2018 e nel 2019 saranno utilizzabili entro 3 anni dalla loro approvazione;
  • le graduatorie approvate nel 2019 saranno utilizzate mediante scorrimento per un ulteriore 30% di posti disponibili.

Queste scadenze temporali annullano quelle stabilite dalla Legge di Bilancio 2019 che puntavano a un ripristino graduale della durata triennale della validità delle graduatorie dei concorsi pubblici.

Con il nuovo emendamento approvato le graduatorie dei concorsi pubblici non saranno più valide per i tre anni successivi, ma per i due anni successivi con la speranza di snellire il sistema e inserire con maggiore immediatezza gli idonei.

Iscriviti alla newsletter Lavoro e Diritti per ricevere le news su Concorsi pubblici

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.