Concorsi pubblici attivi con allerta virus: ecco quali

Alcuni concorsi pubblici sono attivi nonostante il coronavirus. Se infatti sono sospese le selezioni in tutta Italia, i concorsi su base curriculare e per il reclutamento di medici e infermieri sono previsti. Vediamo come.

Concorsi pubblici attivi con allerta virus: ecco quali

I concorsi pubblici sono attivi in Italia, nonostante il coronavirus. Cosa significa? L’ultimo decreto della Presidenza del Consiglio del 9 marzo estende a tutta Italia le misure disposte con il decreto dell’8 marzo.

Infatti tutta Italia è diventata una zona rossa e come da precedenti disposizioni, come già era stato stabilito nell’ultima settimana di febbraio quando si sono verificati i primi contagi da coronavirus, i concorsi pubblici sono sospesi per il momento fino al 3 aprile, ma non tutti.

Alcuni restano infatti attivi e sono quelli strettamente necessari come per esempio i concorsi riservati al personale sanitario. Esistono anche delle ulteriori procedure, telematiche e su base curriculare, che permettono di mantenere attivi dei concorsi pubblici. Vediamo come.

Coronavirus: i concorsi pubblici confermati

I concorsi pubblici restano attivi nonostante il coronavirus, una parte almeno quelli strettamente necessari e quelli le cui modalità di selezione lo permettono.

Il decreto del Presidente del Consiglio sul coronavirus, costantemente aggiornato, ha «chiuso» l’Italia per affrontare l’emergenza.

Il DPCM del 9 marzo, in vigore dal 10, stabilisce che:

“Allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi del virus COVID-19 le misure di cui all’art. 1 del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 8 marzo 2020 sono estese all’intero territorio nazionale.”

L’articolo 1 del decreto dell’8 marzo inizialmente riguardante le sole zone rosse e le 14 province interessate in Lombardia, Veneto, Piemonte ed Emilia-Romagna ha stabilito che:

“sono sospese le procedure concorsuali pubbliche e private ad esclusione dei casi in cui la valutazione dei candidati è effettuata esclusivamente su basi curriculari ovvero in modalità telematica.”

I concorsi pubblici in Italia sono quindi sospesi fino al 3 aprile, ma non quelli per cui la valutazione sia stata effettuata in modalità telematica o su base curriculare, un po’ come avvenuto per il concorso del personale ATA addetto alle pulizie nelle scuole per intenderci.

In questo caso infatti la selezione è avvenuta solo attraverso i titoli posseduti e quindi con l’invio della documentazione necessaria in modalità telematica appunto con relativa valutazione e graduatoria finale.

Attivi i concorsi pubblici per personale sanitario

Restano attivi però i concorsi pubblici per il personale sanitario sempre sulla base delle disposizioni del DPCM dell’8 marzo confermate poi con il decreto in vigore dal 10 marzo.

Infatti sempre nel succitato articolo 1 si legge al medesimo comma 1 lettera m che:

“sono inoltre esclusi dalla sospensione i concorsi per il personale sanitario, ivi compresi gli esami di Stato e di abilitazione all’esercizio della professione di medico chirurgo, e quelli per il personale della protezione civile, i quali devono svolgersi preferibilmente con modalità a distanza o, in caso contrario, garantendo la distanza di sicurezza interpersonale di un metro.”

I medici, gli infermieri, il personale della Protezione Civile sono fondamentali in questa situazione di emergenza e di conseguenza è importante che i concorsi per la selezione di queste figure professionali non si fermino.

Intanto non sappiamo ancora se il decreto per il test di medicina 2020 uscirà entro aprile come lo scorso anno e quando quelli delle università private, rimandati, si terranno dal momento che l’emergenza coronavirus ci pone in una situazione di continua incertezza.

Iscriviti alla newsletter Lavoro e Diritti per ricevere le news su Concorsi pubblici

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.