PMI

L’acronimo PMI sta a indicare la categoria delle Piccole e Medie Imprese. A chiarire cosa è una PMI fornendo la definizione corretta del termine ha provveduto la Commissione europea con la Raccomandazione n. 2003/361/Ce del 6 maggio 2003 ed applicata in Italia nel 2005. La raccomandazione classifica in maniera precisa la categoria delle Piccole e Medie Imprese e la categoria delle micro imprese. Una definizione di tali imprese è resa indispensabile per consentire agli Stati e all’UE la corretta allocazione di incentivi e sostegni alle imprese.

Per approfondire: “Come finanziare una piccola impresa senza banche”

Queste tipologie di imprese per la loro tipologia, organizzazione e capitali si comportano e hanno necessità diverse rispetto alle grandi imprese. La distinzione opera sul calcolo di tre parametri: numero di occupati, fatturato o totale di bilancio.

Ecco la classificazione:

  • Micro impresa = Occupati < 10 dipendenti - Fatturato o Bilancio totale ≤ 2 Milioni di euro
  • Piccola Impresa: occupati < 50 dipendenti - Fatturato o Bilancio totale ≤ 10 Milioni di euro
  • Media Impresa: occupati ≤ 250 dipendenti - Fatturato ≤ 50 milioni di euro o Bilancio totale ≤ 43 Milioni di euro.

Le Piccole e Medie imprese devono mantenere i requisiti e il principio di indipendenza rispetto ad altre imprese.

PMI, ultimi articoli su Money.it

Crowdlisting: cos’è e come funziona

Crowdlisting: ecco cos’è, come funziona, e quali sono i vantaggi dell’ultima frontiera del crowfunding che conta già due campagne di raccolta su CrowdFundMe e Opstart

|