Coronavirus, proroga delle tasse locali in arrivo?

Rosaria Imparato

27 Marzo 2020 - 12:23

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Proroga delle tasse locali in arrivo a causa dell’emergenza Coronavirus? Il MEF, secondo le dichiarazioni della viceministra Laura Castelli, sta lavorando a un Fondo con 2 miliardi di euro i comuni in difficoltà che sospendono gli adempimenti: gli aiuti però non saranno destinati a tutti.

Coronavirus, proroga delle tasse locali in arrivo?

Proroga delle tasse locali in arrivo causa Coronavirus? La proposta di sospendere IMU, TARI, i mutui contratti dai Comuni aleggia già dalla settimana scorsa in alcune province italiane.

Il MEF sta lavorando a un piano per aiutare gli enti locali che decidono di sospendere i tributi locali, istituendo un Fondo con 2 miliardi di euro.

Il Fondo però si attiva solo in aiuto dei comuni maggiormente danneggiati dallo stop ai tributi locali: le risorse quindi non verranno elargite indistintamente, ma i destinatari saranno accuratamente selezionati.

Vediamo come funzionerebbe il dossier a cui sta lavorando la viceministra MEF Laura Castelli, piano che dovrebbe essere inserito tra le misure del decreto Cura Italia di aprile.

Coronavirus, proroga delle tasse locali in arrivo?

Il Ministero dell’Economia sta lavorando a un piano di sostegno per gli enti che decidono di sospendere le tasse locali: non solo l’IMU (sulla quale sono arrivati dei chiarimenti MEF), ma anche la TARI, i mutui contratti dai Comuni, il bollo auto.

Tutte quelle tasse, insomma, che servono ad arricchire le casse di province e regioni, e che in questo momento vengono reinvestite nel settore che più ne ha bisogno: la sanità.

Eppure sono molte le regioni che stanno sospendendo gli adempimenti locali, per esempio la scadenza del bollo auto è stata rinviata al 30 giugno ma solo in Lombardia, Campania, Emilia Romagna e Piemonte.

Si pensa dunque a una sospensione delle scadenze contabili fino al 31 luglio, e per garantire un sostegno economico il MEF sta pensando all’istituzione di un apposito Fondo con 2 miliardi di euro di risorse ecomiche.

Questo Fondo, però, elargirà le proprie risorse solo a quei comuni particolarmente danneggiati dall’emergenza Coronavirus e che, nonostante ciò, decideranno di sospendere le tasse locali.

Interventi selezionati, ad hoc, per prevenire gli abusi, e non per tutti: almeno questo è quanto finora trapelato dal MEF, in particolare dalla viceministra Laura Castelli, che ha rilasciato le proprie dichiarazioni a ItaliaOggi.

I comuni selezionati quindi potrebbero chiedere anticipazioni alla cassa Depositi e Prestiti -che ha chiesto garanzie al Governo- senza pagare interessi su quanto ricevuto, anche se le somme andranno restituite entro la fine dell’anno.

Qualora i comuni non riuscissero a restituire i soldi in tempo, interverrebbe il Fondo con i due miliardi messi a disposizione dal MEF.

Stop dei mutui dei comuni in arrivo? Il piano del MEF

Il pacchetto di aiuti per gli enti locali dovrebbe far parte del decreto Cura Italia di aprile, la versione migliorata e approfondita del dl con le misure economiche di marzo.

La richiesta di fermare i tributi locali viene anche da Confcommercio, che chiede appunto la sospensione degli adempimenti almeno fino al 30 settembre.

Anche ANCI e UPI, che hanno partecipato agli incontri con la viceministra Castelli, hanno chiesto di congelare per tutto il 2020 le rate di quota capitale di tutti i prestiti, sia quelli sottoscritti con la cassa Depositi e Prestiti che quelli con gli istituti di credito privati.

Allo studio c’è anche la sospensione dei mutui dei comuni per l’anno in corso, misura che già faceva parte del Milleproroghe.

Di fatti il decreto attuativo era già pronto, ma l’iter è stato bloccato quando è scoppiata l’emergenza Coronavirus. Sull’argomento la viceministra Castelli ha dichiarato:

“La sospensione dei mutui per l’anno in corso sarà propedeutica alla grande operazione di accollo da parte dello Stato dei mutui dei comuni. [...] A questo punto possiamo dire che l’accollo dei mutui partirà dal 2021, da quando cioè potrà dispiegare un effetto utile sui bilanci dei comuni.”

Ad oggi, però, si tratta di ipotesi e teorie a cui il MEF sta lavorando insieme agli enti: sarà possibile saperne di più con la pubblicazione del decreto con le misure economiche di aprile.

Argomenti

# Tasse
# IMU
# Tari

Iscriviti alla newsletter

Money Stories