Tari

Tari è l’acronimo di tassa sui rifiuti, ovvero il tributo che viene pagato dai contribuenti per remunerare il servizio di raccolta e smaltimento rifiuti.
La Tari ha sostituito nel 2014 la Tarsu, la Tia e la Tares.

Oggi la Tari è una parte componente fondamentale della IUC, ovvero dell’imposta unica comunale nata dall’unione di tre tributi locali:

  • IMU, ovvero imposta municipale propria (un’imposta patrimoniale vera e propria);
  • TASI, ovvero tassa sui servizi indivisibili, cioè quel tributo che viene pagato per remunerare alcuni servizi pubblici fondamentali come l’illuminazione stradale e la manutenzione del verde pubblico;
  • TARI.

Il presupposto imponibile della Tari è il “possesso o la detenzione a qualsiasi titolo di locali o aree scoperte, a qualsiasi uso adibiti, suscettibili di produrre rifiuti solidi urbani”.

La Tari si calcola sulla base di due fattori fondamentali ovvero:

  • metri quadrati dei locali o delle aree scoperte;
  • numero di residenti per gli immobili ad uso residenziale.

Tari, ultimi articoli su Money.it

Casa in affitto: chi paga le bollette?

Isabella Policarpio

26 Agosto 2021 - 17:26

Casa in affitto: chi paga le bollette?

Chi paga le bollette nella casa in affitto, gli inquilini o il proprietario? Le utenze da pagare secondo il contratto di locazione.

Chi paga la Tari tra inquilino e proprietario?

Isabella Policarpio

28 Maggio 2021 - 11:51

Chi paga la Tari tra inquilino e proprietario?

In caso di affitto, chi deve pagare la Tari (la tassa sui rifiuti) tra inquilino e proprietario dell’immobile? Vediamo quando spetta la padrone di casa, quando agli affittuari e che fare se gli inquilini non pagano.

Tari 2021: sconto per le attività chiuse nel decreto Sostegni bis, pressing dei Comuni

Anna Maria D’Andrea

19 Aprile 2021 - 12:32

Tari 2021: sconto per le attività chiuse nel decreto Sostegni bis, pressing dei Comuni

Tari 2021, sconto per le attività chiuse: i Comuni chiedono al Governo di stanziare fondi nel decreto Sostegni bis per la riduzione della tassa rifiuti. A sollevare la questione è l’ANCI, in una lettera al MEF e al MITE che, tra l’altro, evidenzia le criticità relative alle indicazioni contenute nella circolare del 12 aprile scorso.