Tari

Tari è l’acronimo di tassa sui rifiuti, ovvero il tributo che viene pagato dai contribuenti per remunerare il servizio di raccolta e smaltimento rifiuti.
La Tari ha sostituito nel 2014 la Tarsu, la Tia e la Tares.

Oggi la Tari è una parte componente fondamentale della IUC, ovvero dell’imposta unica comunale nata dall’unione di tre tributi locali:

  • IMU, ovvero imposta municipale propria (un’imposta patrimoniale vera e propria);
  • TASI, ovvero tassa sui servizi indivisibili, cioè quel tributo che viene pagato per remunerare alcuni servizi pubblici fondamentali come l’illuminazione stradale e la manutenzione del verde pubblico;
  • TARI.

Il presupposto imponibile della Tari è il “possesso o la detenzione a qualsiasi titolo di locali o aree scoperte, a qualsiasi uso adibiti, suscettibili di produrre rifiuti solidi urbani”.

La Tari si calcola sulla base di due fattori fondamentali ovvero:

  • metri quadrati dei locali o delle aree scoperte;
  • numero di residenti per gli immobili ad uso residenziale.

Tari, ultimi articoli su Money.it

Tari, tassa rifiuti in bolletta dal 2019?

Anche la Tari potrebbe essere addebitata in bolletta dal 2019: la novità è contenuta in un emendamento alla Legge di Bilancio presentato per contrastare i casi di evasione dal pagamento della tassa rifiuti.

Tari, calcolo penalizzante per i più poveri

Il calcolo della Tari va rivalutato in base alla produzione dei rifiuti, lo ha proposto Bankitalia che ha condotto uno studio sui bilanci degli italiani da cui risulta che i più poveri sono anche penalizzati dal sistema.

Quali imposte si pagano sulla casa?

Quali tasse si pagano sulla casa? Come sappiamo ci sono diverse imposte che devono essere pagate sugli immobili, tra cui IMU, TASI e TARI.

|