Feste in casa con amici e parenti, esperto richiede controlli più duri: ecco dove

L’esperto della sanità Karl Lauterbach chiede di poter effettuare dei controlli più rigidi anche all’interno delle case private per limitare gli assembramenti e la diffusione del coronavirus in Germania.

Feste in casa con amici e parenti, esperto richiede controlli più duri: ecco dove

L’esperto della sanità tedesco Karl Lauterbach ha richiesto che vengano effettuati controlli più rigidi anche nelle case e nelle strutture private per evitare gli assembramenti tra persone non conviventi al fine di limitare la diffusione del coronavirus, che si sta manifestando con violenza anche in Germania come nel resto d’Europa.

Attualmente infatti, come anche in Italia, il luogo in cui si corre il maggior rischio di infezione è proprio tra le nostre mura domestiche, come dimostrano i diversi focolai sparsi in tutto il Paese, e per questo Lauterbach ha chiesto che vengano effettuati più controlli.

Controlli nelle case per limitare assembramenti in Germania

In Germania quindi le forze dell’ordine potrebbero iniziare a fare controlli anche all’interno delle abitazioni private qualora la richiesta dell’esperto di sanità venisse accolta. Lo scorso mercoledì Lauterbach ha dichiarato al Rheinische Post:

“Siamo in una situazione di emergenza nazionale che potrebbe diventare peggiore rispetto alla scorsa primavera. L’inviolabilità della casa non deve più essere un argomento a favore della mancanza di controlli. Se i privati all’interno degli appartamenti e delle case mettono in pericolo la salute pubblica e quindi la sicurezza, le autorità devono poter intervenire”.

Anche nel nostro Paese il governo ha più volte raccomandato di non invitare a casa amici o parenti non conviventi e se proprio è indispensabile di indossare la mascherina anche a casa propria. Tuttavia quella del governo resta solamente un’indicazione e dunque priva di valore giuridico e per il momento non sembra esserci l’intenzione da parte di Palazzo Chigi di seguire la proposta di Lauterbach.

Serve un nuovo lockdown per arrestare i contagi

Al fine di scongiurare un lockdown totale Lauterbach ha richiesto anche che vengano inasprite le misure di contenimento attraverso un lockdown soft di almeno due settimane, che dovrebbe iniziare già dalla prossima settimana, al più entro il prossimo mercoledì. Secondo Lauterbach il governo tedesco dovrebbe mantenere aperte le scuole, gli asili e le attività di commerciali di prima necessità, per quanto riguarda le aziende si dovrebbe incentivare quanto più possibile lo smart working. Stretta anche sulle riunioni familiari e celebrazioni, secondo l’esperto dovrebbero rimanere consentiti solo quelli che non possono essere rimandati come i funerali, ai quali potrebbero partecipare solo un numero limitato di familiari, mentre i matrimoni o i compleanni dovrebbero essere eliminati.

Per limitare la seconda ondata di contagi, continua l’esperto è necessario il sostegno da parte della popolazione, dal momento che: “Abbiamo la responsabilità etica e politica di proteggere la popolazione in generale. E la maggior parte della gente lo capisce e si aspetta lo stesso dalla politica”.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories