Elezioni europee, Conte con Merkel: l’esclusiva di Piazzapulita

Alla 16° puntata di Piazzapulita, il conduttore Formigli apre la trasmissione mostrando un filmato con protagonista Conte intento a svelare le preoccupazioni del M5S.

Elezioni europee, Conte con Merkel: l'esclusiva di Piazzapulita

Come sempre Piazzapulita si è si prefissa l’obiettivo di approfondire gli elementi cardine dell’attualità sociale, politica ed economica nel mondo con particolare riguardo alle vicende italiane.

Stavolta il programma si è incentrato sulle elezioni europee, trasmettendo un interessante colloquio privato tra Conte e Merkel sulle imminenti elezioni europee.

Elezioni europee: l’esclusiva di Piazzapulita

In ogni puntata Piazzapulita riesce a mettere in pratica il proprio slogan “La realtà è la nostra passione”. È indubbia la centralità che ha avuto il tema delle elezioni europee in studio durante l’appuntamento di stasera.

Con la formidabile conduzione del giornalista Corrado Formigli si è riusciti a entrare nel vivo della questione, soprattutto grazie a un video compromettente che riprende Conte con la Merkel nel corso del Davos Summit 2019.

Si è trattata di un’esclusiva di Piazzapulita che di nascosto è riuscita a intercettare un discorso tra i due. Nel filmato Conte ha espresso la propria preoccupazione in merito all’immagine dell’Italia agli occhi degli altri paesi UE in vista delle imminenti elezioni europee, ma non solo.

Le riprese sono in lontananza. Tuttavia la troupe è riuscita a ricostruire il linguaggio labiale. Durante il loro confronto Conte ha affermato:

Il Movimento 5 Stelle è in sofferenza perché i sondaggi stanno calando [...] Salvini è al 35-36% e loro scendono al 27-26%

Emerge quindi la competizione tra i due partiti che sono rimasti uniti fino ad ora. Presente in studio era Mario Monti, per il quale è normale che, in questo momento storico, Lega e M5S cerchino degli argomenti per attirare la maggioranza. Per Monti, però, non devono cascare nell’errore di coinvolgere gli altri paesi così da evitare possibili contrasti.

In questa contesa, tra Salvini e Di Maio, sembra non esserci l’opposizione e il conduttore ha chiamato in causa Calenda del Pd per fare chiarezza. Calenda ha affermato che il proprio manifesto poggia su una grande mobilitazione fatta di proposte concrete:

130 mila cittadini sono pronti a mobilitarsi a patto che non ci sia il trasformismo politico

Sono parole che non sono riuscite a soddisfare la curiosità dell’ospite De Angelis, per il quale si tratta di un manifesto già visto, simile a quello di Gentiloni. Nessuna novità quindi da parte del Pd.

Calenda si è dimostrato deciso a non entrare nel dettaglio, ponendo repentinamente la parola “fine” a un dibattito rimasto acerbo.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Giuseppe Conte

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.