Borsa Milano oggi, 11 novembre 2020: Ftse Mib di poco sotto i 21 mila punti, la trimestrale spinge Terna e Ferragamo

Seduta positiva per la Borsa di Milano oggi, 11 novembre 2020. Sul listino di Piazza Affari acquisti su Terna e Ferragamo dopo la pubblicazione della trimestrale. Ancora segno più per il petrolio

Borsa Milano oggi, 11 novembre 2020: Ftse Mib di poco sotto i 21 mila punti, la trimestrale spinge Terna e Ferragamo

L’effetto vaccino continua a spingere la Borsa di Milano che oggi, 11 novembre 2020, ha chiuso la seduta sopra la parità.

«La sola prospettiva di aver scoperto un vaccino efficace potrebbe aiutare a sbloccare immediatamente le decisioni di investimento e di consumo prima ancora che sia disponibile sul mercato, il che è molto incoraggiante», ha commentato Sylvain Broyer, Chief Economist EMEA di S&P Global Ratings.

Buone nuove arrivano anche da Bruxelles, dove il Parlamento europeo e il Consiglio hanno trovato un accordo sul bilancio comunitario: una notizia importante che sblocca il Recovery Fund, tanto atteso in Italia.

In chiusura di contrattazioni, l’eurodollaro quota in calo dello 0,43% a 1,17625 mentre il future sul Brent, alla terza seduta consecutiva di guadagni, sale dell’1,9% a 44,46 dollari.

Borsa Milano oggi, aggiornamento ore 17:40: Ftse Mib in aumento, trimestrale spinge Ferragamo e Terna

In chiusura, il Ftse Mib si è fermato a 20.993,02 punti, +0,68%, mentre lo spread Italia-Germania è stabile a 120 punti base.

Questa mattina il Ministero di via XX Settembre ha collocato 5,5 miliardi di titoli zero coupon con scadenza 12 mesi al nuovo minimo storico del -0,478%, rispetto al precedente minimo del -0,436% messo a segno il mese scorso.

Nel terzo giorno di collocamento, il Btp Futura 2 ha registrato richieste per poco meno di 1 miliardo di euro portando il totale a 4,9 miliardi.

Sul Ftse Mib giornata di conti per Telecom Italia (-1,19%), la cui trimestrale ha evidenziato un giro d’affari maggiore delle stime.

I risultati trimestrali hanno spinto Ferragamo (+4,38%), Mediaset (+5,67%) e Terna (+2,62%).

L’azienda di pubblica utilità ha chiuso i nove mesi al 30 settembre con ricavi per 1,78 miliardi, +6,9%, ed un utile di 569,1 milioni, +3%.

Contrazione del 3,13% per Atlantia dopo la notizia degli arresti domiciliari e di tre misure interdittive per ex dirigenti della società e per attuali manager di Aspi.

Piazza Affari, aggiornamento ore 13: Ftse Mib in aumento, Telecom Italia in positivo dopo la trimestrale

Il Ftse Mib segna un +0,46%, il Dax avanza dello 0,43% ed il Cac40 registra un +0,4%.

Sul Ftse Mib spicca il +1,07% di Telecom Italia dopo la diffusione di una trimestrale che ha evidenziato un giro d’affari maggiore delle stime, un indebitamento in contrazione e la conferma delle stime sull’esercizio in corso.

I risultati trimestrali spingono anche Ferragamo (+4,9%) e Mediaset (+6,81%).

Contrazione del 3% per Atlantia dopo la notizia degli arresti domiciliari e di tre misure interdittive per ex dirigenti della società e per attuali manager di Aspi.

Future Wall Street: Nasdaq, prevista apertura in rialzo

In corrispondenza del giro di boa in Europa, il derivato sul Dow Jones registra un +0,72%, quello sullo S&P500 avanza dello 0,81% e il future sul Nasdaq sale dello 0,99%.

Piazza Affari, aggiornamento ore 9:25: Ftse Mib in aumento, focus sulla trimestrale di Telecom Italia

A Milano il paniere principale, il Ftse Mib, nei primi scambi della seduta di oggi, 11 novembre 2020, quota 20.895,58 punti, +0,21% rispetto a ieri, mentre lo spread Italia-Germania è stabile a 122 punti base.

Primi scambi sopra la parità anche per il Dax (+0,37%), per il Cac40 (+0,28%) e per il Ftse100 (+0,3%).

Sul Ftse Mib spicca il +0,9% di Telecom Italia dopo la diffusione di una trimestrale che ha evidenziato un giro d’affari maggiore delle stime. La trimestrale ha inoltre evidenziato un indebitamento in contrazione e la conferma delle stime sull’esercizio in corso.

I risultati trimestrali spingono anche Ferragamo (+1,93%) e Mediaset (+5,55%) mentre Leonardo (-0,44%) è vittima di prese di beneficio dopo il balzo registrato ieri in scia dei rumor su una possibile quotazione di Leonardo DRS

Borse asiatiche: Tokyo in solido territorio positivo

L’indice di Hong Kong, l’Hang Seng registra un -0,31%, il China A50 ha terminato con un -0,41% ed il Nikkei ha chiuso con un +1,78%.

Segno più anche per l’australiano S&P/ASX 200 che ha terminato la seduta con un +1,78%.

Wall Street: due velocità per Dow ed S&P500, Nasdaq negativo

La seduta di ieri del Dow Jones si è chiusa con un +0,9% mentre lo S&P500 ha segnato un -0,14%. Ancora in rosso il Nasdaq che ha terminato con un -1,37%.

Dopo aver capitalizzato il clima emergenziale, le azioni facenti parte dell’indice dei tecnologici stanno fisiologicamente pagando pegno alle prime indicazioni su un lento ritorno alla normalità.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories