Bonus vacanze anche tramite le piattaforme di prenotazione? Novità DL Agosto

Bonus vacanze anche per le prenotazioni effettuate tramite le piattaforme come Booking.com e Airbnb: la novità è contenuta nell’emendamento al Dl Agosto approvato dal Senato.

Bonus vacanze anche tramite le piattaforme di prenotazione? Novità DL Agosto

Bonus vacanze, il Dl Agosto apre la possibilità di usufruire dell’incentivo anche per le prenotazioni effettuate tramite le piattaforme e i portali telematici.

La novità è stata introdotta da un emendamento al DL Agosto approvato dal Senato: per essere sicuri si dovrà attendere, in ogni caso, la conversione in legge del decreto.

Cosa cambia con l’approvazione di questo emendamento? Finora il bonus vacanze poteva essere richiesto solo con l’intermediazione di agenzie di viaggio e tour operator, lasciando fuori le piattaforme come Booking.com, Airbnb e simili, oppure contattando direttamente la struttura.

L’emendamento in questione apre le porte ai big del settore delle prenotazioni turistiche.

Bonus vacanze anche tramite le piattaforme di prenotazione? Novità DL Agosto

Il Dl Agosto potrebbe portare importanti novità sul bonus vacanze. Attualmente, il bonus (che si può richiedere fino al 31 dicembre) viene riconosciuto se:

  • si sostengono le spese presso un’unica struttura ricettiva (albergo, agriturismo o bed&breakfast);
  • la spesa viene documentata da fattura elettronica o documento commerciale;
  • il pagamento del servizio deve essere corrisposto senza l’ausilio, l’intervento o l’intermediazione di soggetti che gestiscono piattaforme o portali telematici diversi da agenzie di viaggio e tour operator.

L’emendamento approvato al Dl Agosto invece propone di modificare l’ultimo punto, aprendo le porte del bonus vacanze anche alle piattaforme e ai portali telematici, come Booking.com, Homeaway e Airbnb.

Bonus vacanze anche con le piattaforme di prenotazione: non cambiano i requisiti

L’emendamento in questione non va a modificare i requisiti per accedere al bonus vacanze, ovvero:

  • Isee non superiore a 40.000 euro;
  • una DSU in corso di validità.

Non cambia nemmeno l’importo del bonus: rimane sempre fino a 500 euro, ma modulato in base al numero di componenti del nucleo familiare, dunque l’incentivo viene ridotto a 300 euro per i nuclei familiari composti da due persone e a 150 euro per quelli composti da una sola persona (ricordiamo che il contributo può essere richiesto anche per partire da soli).

Infine, è bene ricordare che accettare il bonus vacanze non è obbligatorio, ma rimane una libera scelta a discrezione della struttura.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories