Bonus assunzioni 2020: tutti gli incentivi contributivi per i datori di lavoro

Bonus assunzioni 2020: vediamo quali sono gli incentivi contributivi in favore dei datori di lavoro previsti per il prossimo anno, tra conferme e novità.

Bonus assunzioni 2020: tutti gli incentivi contributivi per i datori di lavoro

Bonus assunzioni 2020: quali sono gli incentivi contributivi per i datori di lavoro?

Alla luce delle recenti novità legislative, che hanno introdotto anno dopo anno nuove misure per ridurre il costo previdenziale dei dipendenti, è opportuno fare una breve panoramica dei principali sgravi INPS operativi dal 1° gennaio 2020.

Attualmente è possibile contare almeno quattro misure dedicate alle imprese:

  • incentivo Occupazione Sviluppo Sud (cd. “Bonus Sud”);
  • esonero contributivo under 35;
  • alternanza scuola-lavoro;
  • incentivo contributivo per giovani agricoltori.

Ma procediamo in ordine e vediamo tutte le caratteristiche in dettaglio di ciascuno dei bonus assunzioni previsti dal 1° gennaio 2020.

Bonus assunzioni 2020, incentivo Occupazione Sviluppo Sud: campo di applicazione, importo e durata

L’Incentivo Occupazione Sviluppo Sud (meglio conosciuto come “Bonus Sud”), disciplinato dalla Legge di Bilancio 2019 (L. n. 145/2018), consiste in un esonero contributivo in favore delle imprese operanti nel Sud Italia che assumono lavoratori con contratto di lavoro a tempo indeterminato.

Le regioni che possono accedere all’incentivo si dividono in regioni “meno sviluppate” (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia) e regioni “in transizione” (Abruzzo, Molise, Sardegna).

Possono essere assunti:

  • lavoratori di età compresa tra i 16 e i 34 anni di età (intesi come 34 e 364 giorni), in stato di disoccupazione (art. 19 del D.Lgs. n. 150/2015);
  • lavoratori con 35 anni di età, e oltre, privi di impiego regolarmente retribuito da almeno 6 mesi, ai sensi del Decreto (Lavoro) del 17 ottobre 2017.

Lo sgravio, della durata di 12 mesi, può arrivare fino a un massimo di 8.060 euro. L’esonero riguarda solamente i contributi INPS ma non quelli INAIL

Bonus assunzioni 2020, esonero contributivo under 35: campo di applicazione, importo e durata

È operativo per il prossimo anno anche l’esonero contributivo under 35, originariamente introdotto dall’art. 1, co. 100-108 e 114-115 della Legge di Bilancio 2018 (L. n. 205/2017) e confermato dalla Legge di Bilancio 2020.

Esso riguarda i contributi previdenziali a carico del datore di lavoro, dovuti con riferimento alle assunzioni con contratto di lavoro dipendente a tempo indeterminato a tutele crescenti, di cui al D.Lgs. n. 23/2015, di soggetti aventi meno di 35 anni di età, che rivestono la qualifica di operai, impiegati e quadri.

Lo sgravio è subordinato alla condizione che i soggetti assunti non abbiano avuto (neanche con altri datori) precedenti rapporti di lavoro a tempo indeterminato.

La misura dell’incentivo è pari al 50% dei complessivi contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro, con esclusione dei premi e contributi dovuti all’INAIL, nel limite massimo di 3.000 euro su base annua, da riparametrare e applicare su base mensile. La durata del beneficio è pari a 36 mesi a partire dalla data di assunzione.

Bonus assunzioni 2020, alternanza scuola lavoro: campo di applicazione, importo e durata

L’art. 1, co, 108 della L. n.205/2017 prevede, altresì, due casi nei quali l’esonero è riconosciuto nella misura del 100% dei complessivi contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro, con esclusione dei premi e contributi dovuti all’INAIL.

In particolare, l’agevolazione piena è prevista per i datori di lavoro privati che assumono, entro sei mesi dall’acquisizione del titolo di studio:

  • studenti che hanno svolto presso il medesimo datore attività di alternanza scuola-lavoro;
  • studenti che hanno svolto, presso il medesimo datore di lavoro, periodi di apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore, il certificato di specializzazione tecnica superiore o periodi di apprendistato in alta formazione.

Incentivo contributivo per giovani agricoltori 2020: campo di applicazione, importo e durata

Al fine di promuovere forme di imprenditoria in agricoltura, il DdL di Bilancio 2020 al Capo VI “Misure in materia di agricoltura” prevede un’importante agevolazione contributiva in favore dei lavoratori agricoli autonomi, e nello specifico per i Coltivatori Diretti (CD) e Imprenditori Agricoli Professionali (IAP) di cui all’art. 1 del D.Lgs. n. 99/2004.

Nello specifico è riconosciuto un esonero contributivo biennale (in passato era di durata triennale) per i giovani coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali, con età inferiore a 40 anni, che si iscrivono per la prima volta alla gestione contributiva agricola nel periodo “01.01.2020 – 31.12.2020”.

L’esonero contributivo è pari al 100% dell’accredito contributivo presso l’Assicurazione generale obbligatoria (Ago) per l’invalidità, la vecchiaia ed i superstiti (Ivs).

Iscriviti alla newsletter Lavoro e Diritti per ricevere le news su Bonus Assunzioni

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

\ \