Vaccino Pfizer: ok anche da Aifa, iniezioni al via in Italia dal 27 dicembre

Mario D’Angelo

22 Dicembre 2020 - 18:15

29 Dicembre 2020 - 11:09

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Dopo Ema, arriva l’autorizzazione al vaccino Pfizer anche dall’Agenzia italiana del farmaco. Pfizer conferma l’inizio delle vaccinazioni entro la fine di questa settimana.

Vaccino Pfizer: ok anche da Aifa, iniezioni al via in Italia dal 27 dicembre

L’Aifa, Agenzia italiana del farmaco, “ha appena dato l’ok” al vaccino Pfizer/BioNTech, ha annunciato il ministro della Salute Roberto Speranza dopo l’autorizzazione all’uso d’emergenza da parte di Ema a livello europeo. Confermato quindi il cronoprogramma che prevede le prime vaccinazioni “in tutte le Regioni italiane” a partire dal 27 dicembre al personale sanitario e agli anziani delle Rsa.

Vaccino, Speranza: ora abbiamo arma in più

È ancora dura, ma ora abbiamo un’arma in più. Forza”, ha detto Speranza dopo l’annuncio di Aifa, arrivato nel corso della conferenza stampa dell’Agenzia.

Con emozione do l’annuncio dell’approvazione dell’autorizzazione all’immissione in commercio del vaccino a Rna messaggero Pfizer BioNTech”, ha esordito il direttore generale di Aifa Nicola Magrini. Il vaccino è stato autorizzato per tutta la popolazione “al di sopra dei 16 anni”.

Magrini spiegato che “il vaccino Comirnaty è indicato per gli over 16 e non ha controindicazioni”. Il dg ha aggiunto che “non sono richieste accortezze particolari” per categorie specifiche come anziani, immunodepressi o donne in gravidanza e allattamento.

Cts sorveglia reazioni avverse ai vaccini

L’attività di sorveglianza delle reazioni avverse sarà comunque in piedi e sarà coordinata dal Comitato tecnico scientifico. “Saranno realizzati studi specifici su popolazioni selezionate come pazienti in dialisi e pazienti delle Rsa”, ha detto Magrini. Nei giorni scorsi, sono spuntate sul web alcune bufale (come quella sulla presunta morte dell’infermiera Tiffany Dover) circa gli effetti secondari dei vaccini.

Nelle prime settimane di somministrazione, ha aggiunto il direttore, non ci sarà un meccanismo di prenotazione ma di chiamata. Il sistema cambierà con il successivo coinvolgimento dei medici di famiglia.

Nelle prossime settimane, Aifa metterà a disposizione una serie di risposte alle domande più frequenti a proposito del vaccino anti Covid-19. Il presidente di Aifa, Giorgio Palù, ha detto che è importante “cercare di rispondere anche a chi ha dubbi. Va dato un messaggio che rasserena e rassicura”.

Uno dei dubbi principali riguarda l’efficacia dei vaccini anche sulla variante britannica del coronavirus, che si è diffusa in diverse parti d’Europa, fra cui l’Italia.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories