Sondaggi politici: Calenda pronto a superare Berlusconi, la Meloni meglio di Salvini

Alessandro Cipolla

15 Dicembre 2020 - 14:20

condividi
Facebook
twitter whatsapp

L’ultimo sondaggio politico di Swg evidenzia una nuova crescita di Azione, con Carlo Calenda che così sarebbe adesso in scia di Forza Italia, mentre Giorgia Meloni sembrerebbe contiuare a rosicchiare consensi a Matteo Salvini.

Sondaggi politici: Calenda pronto a superare Berlusconi, la Meloni meglio di Salvini

L’ultimo sondaggio politico di Swg premia Carlo Calenda e Giorgia Meloni, il tutto mentre il governo si interroga su possibili nuove misure restrittive a Natale e Matteo Renzi torna a evocare una crisi di governo, questa volta sulla governance del Recovery Fund.

Stando all’indagine, non si fermerebbe infatti la crescita di Fratelli d’Italia il tutto a discapito della Lega, con il Carroccio che comunque sarebbe sempre il primo partito del Paese vista la contemporanea flessione anche del Partito Democratico.

Sorride pure a Carlo Calenda il sondaggio, con Azione sempre più vicina a una Forza Italia in calo tanto che non sarebbe di certo una sorpresa se a breve si verificasse un sorpasso inimmaginabile fino a qualche mese fa.

Sondaggi politici: bene Calenda e la Meloni

In piena pandemia e in un momento di grande fermento politico, l’ultimo sondaggio politico di Swg diramato in data 14 dicembre dal Tg La7 sembrerebbe premiare la linea anti-inciucio di Giorgia Meloni rispetto a quella più ambigua di Matteo Salvini.

Il leader della Lega infatti ha aperto a un possibile nuovo governo insieme a pezzi dell’attuale maggioranza, ipotesi questa subito rigettata da Fratelli d’Italia che in caso di crisi preferirebbe il voto.

Delle difficoltà del Carroccio non sembrerebbe approfittarne il Partito Democratico, indicato in calo mentre il Movimento 5 Stelle darebbe un flebile segnale di ripresa dopo il periodo negativo delle scorse settimane.

Altro partito in crisi stando al sondaggio è Forza Italia, con Silvio Berlusconi che adesso inizierebbe a sentire il fiato sul collo di Carlo Calenda visto il nuovo balzo in avanti attestato ad Azione, la creatura politica dell’ex ministro nata soltanto pochi mesi fa.

Con Italia Viva col segno negativo al pari di La Sinistra, appare difficile che una eventuale coalizione moderata formata da IV, Azione, + Europa e parte di Forza Italia, possa essere guidata da Matteo Renzi.

L’ex premier da tempo viene chiacchierato come interessato al ruolo di prossimo segretario generale della NATO, sperando anche nella sponda dell’amico Joe Biden, con questo ipotetico corpaccione centrista che così potrebbe trovare in Calenda il proprio leader.

Molto dipenderà pure dalla legge elettorale: in caso di elezioni anticipate, si voterà con l’attuale Rosatellum che ha una soglia di sbarramento del 3%, ma se la legislatura dovesse arrivare a compimento facile allora che venga approvato il Brescellum, un sistema di voto puramente proporzionale con una impegnativa soglia di sbarramento fissata al 5%.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories