Cassetto Fiscale: da oggi si può accedere con credenziali SPID

Da oggi si potrà accedere al Cassetto fiscale dell’Agenzia delle Entrate con le credenziali SPID: ecco come fare.

Cassetto Fiscale: da oggi si può accedere con credenziali SPID

Cassetto fiscale: con il provvedimento del 9 aprile 2018 l’Agenzia delle Entrate ha informato i contribuenti che sarà possibile accedere anche con le credenziali SPID.

A partire da oggi infatti, analogamente a quanto già realizzato per i servizi “Dichiarazione precompilata” e “Fatture e Corrispettivi”, anche i servizi telematici Entratel, Fisconline e Sister, saranno accessibili dagli utenti persone fisiche tramite un’identità digitale Spid di livello 2.

Registrare un contratto di locazione oppure consultare i dati catastali quindi diventerà molto più semplice per gli utenti.

Inoltre sarà possibile anche presentare e modificare i dati della dichiarazione precompilata 2018 che sarà resa disponibile dall’Agenzia delle Entrate a partire dal 16 aprile 2018 e che potrà essere modificata ed inviata dal 2 maggio 2018.

Cos’è lo SPID

Il Sistema pubblico d’identità digitale (Spid), nato il 26 marzo 2016, rappresenta il documento di identificazione online del cittadino.

Tale sistema permette ad ogni utente che si connette ad un computer e che inserisce il nome utente e la password di utilizzare in modo semplice, veloce e sicuro i servizi erogati online da oltre 4 mila Pubbliche Amministrazioni.

Con un unico identificativo è possibile iscrivere i figli a scuola, prenotare una visita in ospedale, richiedere il Bonus mamma e registrare un contratto di locazione.

Non solo: vista l’imminente pubblicazione online (16 aprile 2018) del modello 730 precompilato da parte dell’Agenzia delle Entrate sarà possibile, grazie all’accesso tramite Spid, presentare e modificare i dati inseriti nella dichiarazione precompilata a partire dal 2 maggio 2018.

Si ricorda che il sistema non consente la profilazione garantendo la protezione dei dati personali.

Come si ottengono le credenziali di accesso?

Tutti coloro che hanno compiuto 18 anni e che possiedono un documento d’identità, una tessera sanitaria con codice fiscale, un indirizzo e-mail valido e un numero di telefono possono ottenere Spid.

In particolare è necessario registrarsi sul sito di uno degli 8 gestori di identità digitale (Aruba, Infocert, Poste, Sielte, Tim, Register.it, Namirial, Intesa) e seguire i vari step per l’identificazione.

L’Agenzia ricorda che tutte le modalità di registrazione e tutte le possibilità per poter ottenere Spid sono disponibili sul sito http://www.spid.gov.it/richiedi-spid.

I lettori che intendono richiedere le credenziali SPID per accedere al Cassetto Fiscale possono consultare la guida con tutte le istruzioni per richiederle.

Infine si specifica che il livello di sicurezza adottato (Spid Livello 2) corrisponde ad un’autenticazione tramite due fattori (password e “PIN dinamico”, ossia che cambia sempre ad ogni accesso).

Si allega di seguito il provvedimento pubblicato il 9 aprile 2018 dall’Agenzia delle Entrate.

Provvedimento dell’Agenzia delle Entrate del 9 aprile 2018
Scarica il provvedimento del 9 aprile 2018 che spiega come accedere tramite il Sistema Pubblico di Identità Digitale (Spid) ai servizi telematici dell’Agenzia

Iscriviti alla newsletter "Fisco" per ricevere le news su Agenzia delle Entrate

Condividi questo post:

Commenti:

Prova gratis le nostre demo forex

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Potrebbero interessarti

Anna Maria D'Andrea

Anna Maria D’Andrea

2 giorni fa

Modello 730 in scadenza, flop precompilata: gli italiani non si fidano del Fisco

Modello 730 in scadenza, flop precompilata: gli italiani non si fidano del Fisco

Commenta

Condividi

Anna Maria D'Andrea

Anna Maria D’Andrea

4 giorni fa

Modello 730/2018: istruzioni e scadenza

Modello 730/2018: istruzioni e scadenza

Commenta

Condividi

Anna Maria D'Andrea

Anna Maria D’Andrea

5 giorni fa

Autotrasportatori, importi deduzioni forfettarie 2018. Novità dal MEF

Autotrasportatori, importi deduzioni forfettarie 2018. Novità dal MEF

Commenta

Condividi