Dichiarazione dei redditi

La dichiarazione dei redditi è il documento fiscale e contabile attraverso il quale il contribuente italiano ha la possibilità di dichiarare i propri redditi al Fisco.
Il sistema tributario italiano è impostato sulla base del principio dell’autodeterminazione: per i soggetti diversi dai lavoratori dipendenti e dai pensionati il reddito viene dichiarato al Fisco sulla base delle proprie risultanze contabili.

Quando si parla di dichiarazione dei redditi occorre fare una distinzione a seconda del tipo di contribuente che deve denunciare al Fisco i propri guadagni:

  • per le persone fisiche titolari esclusivamente di redditi di lavoro dipendente e assimilati (ad esempio le pensioni) e redditi agrari, la dichiarazione dei redditi prende il nome di modello 730;
  • per le persone fisiche titolari di redditi di capitale, redditi d’impresa, redditi diversi e redditi da lavoro autonomo, la dichiarazione dei redditi prende il nome di UNICO PF, nella duplice versione di modello UNICO PF e modello UNICO PF MINI;
  • per le società di persone la dichiarazione dei redditi prende il nome di modello UNICO SP;
  • per le società di capitali, la dichiarazione dei redditi prende il nome di modello UNICO SC;
  • per le società e gli enti, la dichiarazione dei redditi prende il nome di modello UNICO ENC.

Ricapitoliamo: cos’è la dichiarazione dei redditi?
La dichiarazione dei redditi rappresenta una dichiarazione di scienza con la quale il contribuente dichiara i propri redditi e le imposte che saranno pagate (in realtà il sistema degli acconti e dei saldi fa si che il contribuente paghi prima della trasmissione effettiva della dichiarazione dei redditi).

La dichiarazione dei redditi trova il suo riferimento normativo fondamentale nel d.p.r. numero 600/1973.
Tuttavia, l’ampiezza della normativa tributaria italiana fa si che per compilare correttamente la dichiarazione dei redditi le fonti normative sono davvero infinite: TUIR, decreto IVA, modifiche varie di volta in volta introdotte dalle Leggi di Bilancio, ecc.

Dichiarazione dei redditi, ultimi articoli su Money.it

Controlli dichiarazione precompilata 2021: come evitare le verifiche del Fisco

Rosaria Imparato

10 Maggio 2021 - 12:45

Controlli dichiarazione precompilata 2021: come evitare le verifiche del Fisco

In cosa consistono i controlli sulla dichiarazione precompilata 2021, e come evitare di finire sotto la lente d’ingrandimento del Fisco? Di seguito, una panoramica delle verifiche effettuate dall’Agenzia delle Entrate e le modifiche che fanno scattare gli accertamenti sul 730 precompilato.

Modello 730/2021, i documenti da conservare fino al 31 dicembre 2026

Anna Maria D’Andrea

10 Maggio 2021 - 12:03

Modello 730/2021, i documenti da conservare fino al 31 dicembre 2026

Documenti relativi al modello 730/2021 da conservare fino al 31 dicembre 2026: dai dati relativi ai redditi fino agli scontrini e alle fatture per le spese detraibili, di seguito l’elenco completo delle informazioni da archiviare ed esibire in caso di controlli.

Lavoratori in cassa integrazione, modello 730/2021 obbligatorio

Anna Maria D’Andrea

10 Maggio 2021 - 10:44

Lavoratori in cassa integrazione, modello 730/2021 obbligatorio

Lavoratori in cassa integrazione, quando è obbligatorio presentare il modello 730/2021? Chi ha percepito redditi sia dal datore di lavoro che dall’INPS è sempre tenuto a presentare la dichiarazione, avendo ricevuto due CU da soggetti diversi e in relazione a somme non conguagliate.

Modello 730 precompilato 2021: come accedere e modificare i dati

Rosaria Imparato

10 Maggio 2021 - 10:36

Modello 730 precompilato 2021: come accedere e modificare i dati

Come accedere al 730 precompilato? L’accesso si può eseguire dal 10 maggio, mentre la modifica e l’integrazione dei dati si può fare dal 19 maggio, data in cui si può procedere anche all’invio della dichiarazione all’Agenzia delle Entrate.