Borsa Milano Oggi, 7 marzo 2022: Ftse Mib in rosso, rally per Eni

Luca Fiore

07/03/2022

07/03/2022 - 18:03

condividi

Chiusura di seduta in rosso, anche se lontano dai minimi intraday, per la Borsa Milano oggi, 7 marzo 2022. Sul Ftse Mib ancora vendite sui titoli del comparto bancario mentre gli energetici hanno capitalizzato il balzo del prezzo del petrolio (salito fino a 139 dollari al barile).

Borsa Milano Oggi, 7 marzo 2022: Ftse Mib in rosso, rally per Eni

Anche la nuova settimana della Borsa Milano oggi è iniziata all’insegna delle vendite: sul Ftse Mib, UniCredit (-5,59%) e Intesa Sanpaolo (-2,8%) hanno chiuso in forte calo dopo un inizio da incubo mentre il nuovo balzo del petrolio ha permesso a Tenaris di salire del 13,03 e ad Eni di segnare un +4,29%.

A spingere il petrolio sono le trattative tra Stati Uniti ed Europa per fermare le importazioni di petrolio russo: dopo un massimo intraday a 139,13 dollari, il future sul Brent sale del 4,6% a 123,6 dollari al barile mentre l’eurodollaro quota in rosso dello 0,65% a 1,0853.

In avvio del terzo round di negoziati, le autorità russe hanno annunciato che apriranno nuovi corridoi umanitari per permettere l’evacuazione dei civili dall’Ucraina.

Borsa Milano Oggi, aggiornamento ore 17:40: Ftse Mib in rosso, ma i minimi sono lontani

La giornata del Ftse Mib è terminata a 22.160,28 punti, -1,36% sul dato precedente.

Nuova giornata di acquisti per Leonardo (+6,3%), il comparto della difesa nelle ultime settimane è tra i preferiti degli operatori, mentre Telecom Italia è passata da un rosso di quasi il 10 per cento della prima parte, ad un +5% di metà giornata fino ad arrivare al -5,45% della chiusura.

Poco mosso a 162 punti lo spread Btp-Bund.

Aggiornamento ore 13: Ftse Mib, montagne russe per Telecom Italia

A metà seduta il Cac40 scende del 2,41%, il Dax del 2,89% ed il Ftse Mib con un -1,05% fa segnare i massimi intraday in quota 22.200 punti.

In rosso di quasi quasi 10 punti percentuali in avvio, Telecom Italia al momento sale del 5%.

Future Wall Street in pesante rosso

In attesa che, alle 15:30, inizino le contrattazioni a Wall Street, il future sul Dow Jones registra un -1,41%, quello sullo S&P500 scende dell’1,43% ed il derivato sul Nasdaq arretra dell’1,55%.

Aggiornamento ore 09:25: Ftse Mib crolla a 21 mila

Nei primi scambi il londinese Ftse100 arretra del 2,62%, il Cac40 scende del 4,26% ed il Dax del 4,46%.

A Milano il nostro Ftse Mib perde il 5,39% a 21.254 punti mentre lo spread Btp-Bund avanza del 2,26% a 166 punti base.

Calo di quasi 10 punti percentuali per una Telecom Italia (-9,66%) ancora sotto choc dopo i conti e la presentazione del piano del nuovo Ad Pietro Labriola.

Borse Asia: Nikkei a 25 mila punti

L’indice di Hong Kong, l’Hang Seng, quota in rosso del 3,9%, il China A50 ha chiuso con un -3,56% e l’australiano S&P/ASX 200 ha terminato con un -1,02%.

A Tokyo, il Nikkei si è fermato a 25.221,41 punti, -2,94% sul dato precedente.

Wall Street: Nasdaq in deciso calo

L’ultima seduta della settimana del Dow Jones si è chiusa con un -0,53%, lo S&P500 ha evidenziato un -0,79% ed il Nasdaq ha terminato con un -1,66%.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.