Assegno unico figli: ultimi giorni per avere 6 quote. Ecco per chi

Teresa Maddonni

27 Ottobre 2021 - 13:42

condividi

In scadenza la domanda per l’assegno unico per i figli utile a ottenere gli arretrati a partire dal mese di luglio. Vediamo chi deve affrettarsi entro il 31 ottobre 2021.

Assegno unico figli: ultimi giorni per avere 6 quote. Ecco per chi

In scadenza l’assegno unico per i figli o meglio i termini per avere 6 quote del sostegno.

Sono gli ultimi giorni in cui le famiglie con figli minori che non prendono già assegni familiari possono fare domanda per ottenere 6 mensilità dell’assegno unico temporaneo fino al 31 dicembre 2021.

La domanda per l’assegno unico va fatta una sola volta e inoltrare la richiesta entro il 31 ottobre 2021 permette di ottenere anche gli arretrati. Le cose infatti cambiano dal 1° novembre.

La scadenza del 31 ottobre per ottenere 6 mensilità dell’assegno unico per i figli è stata introdotta con la proroga del governo rispetto alla data iniziale del 30 settembre. Esclusi i beneficiari del reddito di cittadinanza.

Assegno unico figli: a chi spettano 6 mensilità

Le famiglie che hanno fatto domanda per l’assegno unico per i figli o la faranno entro il 31 ottobre 2021 possono ottenere 6 mensilità di assegno unico.

Sono esclusi, come anticipato, i percettori del reddito di cittadinanza; i nuclei familiari percettori del reddito di cittadinanza in cui sono presenti figli minori ottengono l’assegno unico per i figli in automatico senza necessità di fare domanda con la ricarica che arriva sulla carta RdC.

I nuclei familiari che ancora non hanno provveduto a fare domanda per ottenere l’assegno unico possono inoltrare la richiesta all’INPS entro il 31 ottobre così da ottenere gli arretrati di luglio (mese di attivazione della misura), agosto, settembre e anche il mese di ottobre.

I pagamenti per gli arretrati potrebbero avvenire, a domanda accolta, anche con le quote spalmate successivamente in diversi mesi e non necessariamente in un’unica soluzione.

Assegno unico: domanda entro il 31 dicembre senza arretrati

La domanda per l’assegno unico in ogni caso va fatta entro il 31 dicembre 2021 in attesa che la misura entri a regime a partire dal 2022 e anche con differenti caratteristiche.

Chi farà domanda per ottenere l’assegno unico dal 1° novembre, ed entro la fine dell’anno, riceverà soltanto le mensilità di novembre e dicembre.

Chi infatti non provvede pur avendone i requisiti, perché per esempio non ha chiesto il rilascio della DSU, perde gli arretrati e ottiene solo le ultime due mensilità. L’importo dell’assegno unico è infatti legato all’ISEE.

Va precisato che chi presenta la domanda per l’assegno unico per i figli a dicembre ottiene solo l’ultima mensilità.

La domanda in ogni caso va inviata attraverso il servizio dedicato sul sito dell’INPS anche usufruendo del supporto di un patronato. Per maggiori dettagli rimandiamo alla guida completa di Money.it che riportiamo di seguito.

Argomenti

# INPS

Iscriviti a Money.it