Casse di Previdenza

Le Casse di Previdenza sono enti autonomi che gestiscono i regimi pensionistici dei liberi professionisti iscritti agli albi di categoria. In particolare si occupano della sfera previdenziale ed assistenziale degli professionisti iscritti. Ogni Cassa ha il proprio Regolamento.

In Italia, sono circa 1,3 milioni gli iscritti alle 20 casse di previdenza dell’Adepp, l’Associazione degli enti previdenziali privati.

Alla luce del Salva Italia, gli enti hanno dovuto adottare misure volte a garantire l’equilibrio tra entrate contributive e spese per prestazioni pensionistiche, secondo bilanci tecnici riferiti a un arco di 50 anni.

Dal 1 gennaio 1995 è scattata la privatizzazione delle Casse di previdenza, che, da allora, hanno continuato ad esistere come enti senza scopo di lucro, assumendo la personalità giuridica di diritto privato.

Di seguito le principali Casse di previdenza in Italia.

Cassa Categoria
Cassa Forense Avvocati
Cassa Nazionale del Notariato Notai
Cipag Geometri
CNPADC Commercialisti
CNPR Ragionieri e Periti commerciali
ENPAB Biologi
ENPACL Consulenti del lavoro
ENPAF Farmacisti
ENPAM Medici e Odontoiatri
ENPAP Psicologi
ENPAPI Infermieri professionali
ENPAV Veterinari
EPAP Attuari, Chimici, Dottori Agronomi e Dottori Forestali, Geologi
EPPI Periti Industriali e Periti Industriali Laureati
Inarcassa Ingegneri ed Architetti
INPGI Giornalisti

Casse di Previdenza, ultimi articoli su Money.it

Bonus 1000 euro maggio professionisti: ultime notizie

Pubblicato il 20 luglio 2020 alle 16:24

I professionisti INPS riceveranno il bonus di mille euro per il mese di maggio: ma quando avverrà l’erogazione? Quelli iscritti alle casse previdenziali private, quali requisiti dovranno avere per usufruirne?

Bonus 1.000 euro professionisti: che fine ha fatto il decreto?

Pubblicato il 16 luglio 2020 alle 17:16

Per il bonus 1.000 euro dei liberi professionisti iscritti alle casse di previdenza private si attende il terzo decreto attuativo con modalità e criteri di attribuzione delle risorse del Fondo per il reddito di ultima istanza. Che fine ha fatto? Tutto tace e rimane l’errore nel dl Rilancio convertito.

|