Zona Euro: tassi negativi? Per JPMorgan dovremo farci l’abitudine

Per gli analisti della banca statunitense i tassi negativi, introdotti nel 2014, ci faranno compagnia ancora per diversi anni.

Zona Euro: tassi negativi? Per JPMorgan dovremo farci l'abitudine

Nonostante le politiche espansive delle maggiori banche centrali, dopo la BCE (Riunione BCE: Draghi annuncia il QE a tempo indeterminato) questa sera è la volta del meeting della Federal Reserve (Riunione Fed 18 settembre: i tre elementi chiave del meeting di oggi), le probabilità di una recessione su scala globale sono in aumento.

In un simile contesto, per la Zona Euro gli esperti di JPMorgan stimano altri 8 anni di tassi negativi (i tassi di deposito di Eurolandia sono sottozero dal giugno del 2014).

“Alla luce della lentezza della ripresa nel ciclo attuale, ci attendiamo che la prossima recessione sia lieve”, ha detto Bob Michele, n.1 per il reddito fisso dell’istituto.

JPMorgan: politiche monetarie non eviteranno recessione

“Le politiche monetarie potrebbero essere in grado di prolungare l’attuale fase ciclica, ma non riteniamo in ultima istanza che possano prevenire l’arrivo della recessione”, riporta una nota emessa oggi.

Nel caso, l’attuale fase ciclica, come ha rilevato anche Mario Draghi nel corso della sua conferenza stampa, “necessita il passaggio dalle politiche monetarie a quelle fiscali”.

Qualche giorno fa la Banca Centrale Europea ha annunciato di aver ridotto il tasso sui depositi dal -0,4 al -0,5 per cento e di aver avviato un nuovo piano di acquisto asset. Tra qualche ora, l’istituto di Washington potrebbe annunciare un nuovo taglio al costo del denaro Usa.

JPMorgan: debolezza manifatturiero si espanderà

Dopo aver impattato il comparto manifatturiero, le tensioni commerciali sono destinate a zavorrare anche il resto dell’economia. “Per esempio, il settore dei servizi ha iniziato a mostrare segnali di deterioramento e […] la fiducia delle imprese ha fatto segnare un calo significativo facendo intuire che anche l’outlook futuro è negativo”.

Alla luce dell’attuale andamento della curva a termine, l’esperto stima che per Eurolandia siano in arrivo altri otto anni di tassi negativi, anche perché, nell’attuale contesto, è impensabile che gli istituti centrali smettano di supportare l’andamento dell’economia.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su BCE

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.