Zingaretti insiste: sì al MES per 10 ragioni

Il MES continua a essere un argomento caldo in Italia. Soprattutto per la divergenza di posizioni all’interno dello stesso Governo. Zingaretti, segretario del PD, insiste sulla necessità di attivare il fondo salva-Stati, per almeno 10 motivi validi.

Zingaretti insiste: sì al MES per 10 ragioni

MES opportunità o trappola per l’Italia? Un quesito dibattuto all’interno del Governo, sul quale però Zingaretti non ha dubbi: attivare il fondo salva-Stati è una scelta intelligente e utile al Paese.

Il segretario del PD ha lanciato, nuovamente, un appello affinché la maggioranza valuti attentamente la portata dello strumento economico pensato a Bruxelles. Sulle pagine del Corriere della Sera il presidente della Regione Lazio ha scritto un vero e proprio manifesto a favore del MES.

Ci sono, secondo Zingaretti, almeno 10 motivi validi e urgenti per l’Italia per attivare il fondo tanto osteggiato. Anche da Conte.

MES: un’opportunità per 10 motivi, secondo Zingaretti

Nicola Zingaretti non ha dubbi sulla validità dello strumento del MES: va attivato e per almeno 10 importanti motivi.

Lo ha scritto sul Corriere della Sera, confermando una posizione già espressa in altre circostanze e sulla quale il Partito Democratico sembra essere piuttosto compatto. La possibilità che offre il fondo salva-Stati di investire nella sanità non può essere persa.

Secondo il segretario il coronavirus ha mostrato a tutto il mondo, Italia in primis, che occorre “avere una visione nuova, fondata su un modello di integrazione delle politiche sanitarie e sociosanitarie da realizzare con idee e investimenti”.

Proprio per questo, non considerare il MES sarebbe un grande errore, perché:

“Oggi possiamo avere le risorse mai viste prima per fare quei grandi investimenti che ci permetteranno di migliorare la qualità dell’assistenza e della cura delle persone e, insieme, anche di dare un concreto impulso alla ripresa economica”

E per dare maggiore credibilità alla sua teoria, Zingaretti ha elencato 10 ambiti vitali che potrebbero essere migliorati e riformati proprio grazie al MES. Questi sono:

  1. ricerca nella biomedica, apparecchiature, scienza della vita, farmaceutica;
  2. digitalizzazione settore sanitario, con telemedicina, televisite, telemonitoraggi;
  3. miglioramento delle funzioni Asl e distretti, soprattutto per prevenzione e interventi terapeutici-riabilitativi;
  4. aumento medici di base, infermieri di famiglia, assistenza domiciliare;
  5. messa in sicurezza degli ospedali e riduzione liste di attesa;
  6. riforma dei servizi sanitari per anziani e malati cronici;
  7. adeguamento dello stipendio del personale sanitario, più assunzioni e formazione;
  8. aggiornamento livelli assistenziali essenziali e garanzia di accesso a terapie innovative;
  9. aumento delle borse studio;
  10. aumento posti finanziati per le scuole di specializzazione

La missione del PD passa (anche) per il MES

Non sono tutti d’accordo nel Governo sulla lista di vantaggi offerta da Zingaretti sul fondo salva-Stati. E questo potrebbe essere un motivo di ulteriore scontro nella maggioranza.

D’altronde lo stesso presidente del Consiglio ha sempre manifestato il suo scetticismo sullo strumento, ribadendo i dubbi anche in risposta alla cancelliera Merkel, che ha velatamente invitato l’Italia a considerare il MES.

Zingaretti ha lanciato anche una riflessione politica sulla questione. E sulle polemiche sul fondo ha ricordato:

“La danza immobile delle parole, slogan, furbizie lasciamoli alle destre, noi anche nel nostro partito dedichiamoci a dare risposte alle persone e ricostruire l’Italia uniti”

La sfida sul MES, comunque, è tutta da definire. Intanto, il PD ha avvertito il Governo.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories