Ucraina e Russia ricevono nuove armi, quali sono i loro piani?

Lorenzo Bagnato

05/01/2023

Entrambi gli schieramenti della guerra Russia-Ucraina si stanno preparando a nuovi piani offensivi e difensivi nel 2023. Per questo hanno bisogno di nuove armi.

Ucraina e Russia ricevono nuove armi, quali sono i loro piani?

La guerra in Ucraina potrebbe aver raggiunto una brusca battuta d’arresto sul terreno, ma dietro le quinte entrambe le parti si stanno preparando per il futuro. Un micidiale incontro di boxe, dove tutti e due gli schieramenti discutono con i loro “allenatori” prima di iniziare a sferrare colpi non appena suona la campanella.

Dopo la fortunata visita a Washington del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, gli Stati Uniti si sono impegnati a inviare missili antiaerei Patriot a Kiev. La decisione è arrivata dopo le numerose campagne di bombardamento russe che hanno interrotto le infrastrutture civili e portato alcuni missili antiaerei ucraini a cadere sui territori neutrali.

In particolare, la morte di due cittadini polacchi all’interno del territorio neutrale, colpiti da un S-300 fuori rotta, ha accresciuto la consapevolezza occidentale che l’Ucraina ha bisogno di migliori sistemi di difesa.

Fortunatamente per l’Ucraina, gli Stati Uniti hanno già iniziato a preparare la spedizione dei sistemi Patriot. «Abbiamo concluso l’anno scorso con una decisione rivoluzionaria sulla fornitura di sistemi Patriot americani all’Ucraina», ha dichiarato il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba, «che è stata concordata dai leader di Ucraina e Stati Uniti, Volodymyr Zelenskyy e Joe Biden. Ci aspettiamo che il Patriot venga schierato il prima possibile».

Anche altri generali americani suggerirono la spedizione in Ucraina di missili a lungo raggio, in preparazione della liberazione della Crimea. In questo momento, tuttavia, l’Ucraina non è nella posizione adatta a condurre una nuova controffensiva. Per ora, le loro forze sono per lo più concentrate nella difesa di Bakhmut e nella preparazione per un possibile attacco russo.

Fornitori di armi russi

Dall’altra parte della barricata, anche la Russia si sta attrezzando militarmente. Dopo l’annuncio della scorsa settimana che potrebbe arrivare una nuova mobilitazione di truppe, sono emersi nuovi sviluppi sulle capacità militari russe.

Innanzitutto, la Russia continuerà le spedizioni di droni dall’Iran, il principale fornitore di armi del Cremlino per il momento. I droni iraniani sono stati utilizzati principalmente per i suddetti bombardamenti di infrastrutture civili, un crimine di guerra.

Tuttavia, sembra che potrebbe essere stato solo l’inizio. Secondo l’intelligence ucraina, la Russia ha utilizzato 660 droni dei 1750 forniti. «Secondo i nostri dati, ora avranno un altro lotto di consegna», ha dichiarato un rappresentante dell’agenzia ucraina. «Quanto sarà, chiariremo. Di norma, prima importavano in lotti di 250-300 pezzi. Vediamo come sarà questa volta»

In secondo luogo, secondo il servizio stampa Rostec, la Russia potrebbe iniziare la produzione di massa di una nuova generazione di guerra elettronica. Questi nuovi sistemi di terra e di aviazione saranno utilizzati per contrastare i droni.

Infine, secondo i funzionari russi, la loro produzione di armi e attrezzature speciali è in costante aumento.

Se tutto ciò fosse vero, sembrerebbe improbabile che la guerra finisca nel 2023. A meno che, ovviamente, non si verifichi di nuovo una svolta importante come quella di Kherson.

Articolo pubblicato su Money.it edizione internazionale il 2023-01-04 16:12:10. Titolo originale: Ukraine and Russia receive new Weapons, what are their Plans?

Argomenti

# Russia
# Iran
# Guerra

Iscriviti a Money.it

SONDAGGIO

Fa bene il Governo a vendere ulteriori quote di ENI?

Fai sapere la tua opinione e prendi parte al sondaggio di Money.it

Partecipa al sondaggio
icona-sondaggio-attivo