Moldavia neutrale colpita da un missile ucraino, i timori di un’invasione russa non si sono spenti

Lorenzo Bagnato

06/12/2022

06/12/2022 - 16:47

condividi

La nazione neutrale della Moldavia è stata colpita da un missile ucraino difensivo. Anche le interruzioni di corrente si fanno sentire in tutto il Paese.

Moldavia neutrale colpita da un missile ucraino, i timori di un'invasione russa non si sono spenti

Per la seconda volta in meno di un mese, è stato colpito un Paese neutrale nel conflitto tra Russia e Ucraina. Questa volta si tratta della Moldavia, una piccola nazione nel sud dell’Ucraina che non appartiene alla Nato.

Un missile si è scontrato all’interno del confine della Moldavia e si pensa che sia un altro razzo antiaereo S-300 proveniente dall’Ucraina. Un missile simile ha colpito la Polonia il mese scorso, uccidendo due cittadini della Nato e suscitando immediati timori per un possibile inizio della Terza guerra Mondiale.

Quando si è scoperto che il missile che ha colpito il territorio polacco era ucraino, i leader europei diedero ancora la colpa a Mosca. La Russia era responsabile dell’invasione dell’Ucraina e quest’ultima aveva tutti i diritti di difendersi da sola. Se la Russia non avesse attaccato in primo luogo, non ci sarebbe stato un simile incidente.

E ora un altro missile è caduto in territorio moldavo, ma fortunatamente questa volta senza uccidere nessuno. Anche la Moldavia ha subito gravi interruzioni di corrente, una conseguenza della loro connessione alla rete con l’Ucraina.

Con l’inverno ormai in pieno svolgimento nel continente europeo, i cittadini moldavi sono costretti a stare al freddo senza una ragione apparente. Tutto questo mentre una guerra su vasta scala infuria sul loro confine.

Ma la Moldavia ha ancora un altro motivo per detestare la Russia e ha tutto l’interesse a sostenere l’Ucraina nei suoi sforzi.

Il pantano della Transnistria

Ricordate come è iniziata l’attuale guerra, perché Putin ha riconosciuto ufficialmente l’esistenza di due repubbliche all’interno dei confini dell’Ucraina? Quelle erano la repubblica di Donetsk e di Luhansk, due regioni separatiste all’interno dell’Ucraina in guerra con Kiev dal 2014.

Dopo il riconoscimento ufficiale, Putin ha invaso l’Ucraina “a protezione” di quelle due repubbliche, per poi annetterle pochi mesi dopo. Ora, immagina la stessa cosa solo all’interno dei confini della Moldavia.

La regione della Transnistria è una stretta fetta di terra nella parte orientale della Moldavia. È una piccola nazione non riconosciuta con il suo governo e de facto l’indipendenza. Il motivo per cui la Moldavia non ha mai tentato di riconquistare la Transnistria è stato a causa del supporto militare della Russia.

Quando è scoppiata la guerra in Ucraina, molti hanno pensato che Putin avrebbe preso di mira la Moldavia usando lo stesso pretesto. E infatti è molto probabile che, se fosse caduto il porto ucraino di Odessa, la Moldavia sarebbe stata invasa.

Ma Odessa non è caduta. L’Ucraina ha fermato la Russia nella città di Kherson, che ora ha riconquistato. Quindi, la Moldavia è al sicuro per ora, soprattutto dopo gli enormi fallimenti russi in Ucraina.

Questo però non impedisce ai cittadini moldavi di temere Putin. La Moldavia, come l’Ucraina, non è membro della Nato e, a differenza dell’Ucraina, ha un esercito piccolo e non addestrato.

Inoltre, come abbiamo detto, la Moldavia sta ancora vivendo alcuni spiacevoli effetti della guerra. Se tuttavia l’Ucraina resisterà, cosa che per ora sembra probabile, la Moldavia sarà al sicuro dalle mani russe.

Articolo pubblicato su Money.it edizione internazionale il 2022-12-05 18:08:00. Titolo originale: Neutral Moldova hit by a Ukraine Missile, fears of Russia invasion have not died out

Argomenti

# Russia
# Guerra

Nessun commento

Gentile utente,
per poter partecipare alla discussione devi essere abbonato a Money.it.

Iscriviti a Money.it