Trimestrali Big Tech: come sono andate Amazon, Google, Apple nei mesi della pandemia

Le trimestrali dei colossi della tecnologia statunitensi nel terzo quarto dell’anno della pandemia

Trimestrali Big Tech: come sono andate Amazon, Google, Apple nei mesi della pandemia

Trimestrali altalenanti per le Big della tecnologia. Su tutte primeggia Amazon, la grande beneficiaria della pandemia di coronavirus, che ha stracciato le attese di Wall Street ma delude per la previsione sul quarto trimestre. Delude anche Apple, che non ha saputo compensare il declino dell’iPhone. Alphabet, parent company di Google, ha battuto le previsioni degli analisti e il titolo è balzato a +8% nell’after-hour.

Il Dow futures ha perso oltre 200 punti dopo le perdite di Apple e Amazon.

Trimestrale Amazon straccia attese

Non c’è crisi per Amazon, una delle più grandi beneficiarie della pandemia di coronavirus. Nella sua trimestrale, Amazon ha riportato:

  • GAAP EPS: $12,37 ad azione contro $7,55 attesi da Refinitiv;
  • Ricavi: $96,1 miliardi contro $92,7 miliardi stimati da Refinitiv;
  • Utile netto rettificato: $6,3 miliardi contro 6,2 miliardi stimati.

La compagnia fondata da Jeff Bezos ha svelato un eccezionale incremento di vendite del 37% su base annua.

Nonostante i risultati oltre le attese, il titolo è scivolato verso il basso dopo la diffusione della trimestrale Amazon, per via delle deludenti previsioni sul cruciale quarto trimestre.

La compagnia stima ricavi fra i 112 e i 121 miliardi, che rappresenterebbero una crescita fra il 28 e il 38% su base annua. L’ultimo quarto include il Prime Day e le vendite natalizie.

Google vola a +8% dopo pubblicazione trimestrale Alphabet

Il titolo del colosso dei motori di ricerca è salito a +8% dopo la diffusione della trimestrale Alphabet. La compagnia ha battuto le attese degli analisti sia per guadagni che per ricavi.

  • EPS: $16,40 contro $11,29 stimati da Refinitiv;
  • Ricavi: $46,17 miliardi contro $42,90 miliardi stimati da Refinitiv;
  • Google Cloud: $3,44 miliardi contro $3,32 miliardi stimati da StreetAccount;
  • YouTube: $5,04 miliardi contro $4,39 miliardi stimati da StreetAccount.

Trimestrale Apple, mercati puniscono assenza di guidance

La trimestrale Apple ha leggermente battuto le attese del mercato, ma la compagnia non ha fornito una guidance per l’ultimo quarto del 2020. Questa mancanza non ha permesso agli investitori di capire in che modo la compagnia prevede le vendite del suo nuovo iPhone 12.

Ecco i dati della trimestrale Apple confrontati con le stime di Refinitiv:

  • EPS: $0,73 contro $0,70 stimati;
  • Ricavi: $64,7 miliardi contro $63,70 miliardi stimati (+1% rispetto all’anno precedente);
  • iPhone: $26,44 miliardi contro 27,93 miliardi stimati (-20,7% rispetto all’anno scorso);
  • Servizi: $14,55 miliardi contro 14,08 miliardi stimati (+16,3%);
  • Mac: $9 miliardi contro 7,93 miliardi stimati (+28%).

Dopo la pubblicazione della trimestrale Apple, il titolo è sceso fino a -4%. Il declino dell’iPhone non è stato compensato dai forti risultati di Mac a iPad.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories
SONDAGGIO

Termina il 07/12/2020

Come passerai questo Natale?

9 voti

VOTA ORA