Trimestrale Twitter: calano gli utenti e le azioni sprofondano

La trimestrale di Twitter fa registrare un calo degli utenti attivi mensili e il titolo fa -18% in borsa

Trimestrale Twitter: calano gli utenti e le azioni sprofondano

La seconda trimestrale di Twitter segna dati altalenanti, in grado comunque di far cadere il titolo oltre un -18%.

Malgrado le entrate superiori alle aspettative, con 711 milioni di dollari contro i 696.2 milioni attesi, e i guadagni per azione che hanno perfettamente rispettato le attese (17 centesimi), gli utenti mensili hanno fatto registrare un calo, passando dai 338,5 milioni del primo trimestre agli attuali 335 milioni.

Gli utenti attivi giornalieri, invece, sono cresciuti dell’11%, anche se la società non ha indicato l’esatto ammontare.
I ricavi hanno segnato un +24%, con forti introiti pubblicitari, quantificabili in 601 milioni di dollari: un aumento del 23% su base annua.
La società ha inoltre incrementato l’attività di gestione dei dati e altri guadagni, con un +29% complessivo su base annua.

Eppure le cifre, riportate alla chiusura di Wall Street, hanno fatto precipitare le azioni.

Il confronto con il primo trimestre

Lo scorso trimestre, Twitter ha segnalato 336 milioni di utenti attivi. Il social ha giustificato il dato negativo legato all’utenza mensile con le recenti modifiche che ha dovuto apportare alla piattaforma per migliorarne lo ’stato di salute’. Ha inoltre indicato il forte impatto del GDPR, il nuovo regolamento UE sulla privacy, come altro elemento in grado di spiegare il calo.

Alcuni analisti hanno anche segnalato il grosso lavoro della società volto all’eliminazione degli account falsi, che in realtà ha avuto inizio dopo la chiusura del secondo trimestre, quindi è improbabile che abbia colpito gli utenti attivi mensili registrati al termine del 30 giugno.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Trimestrale

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.