Risultato europee 2019: in Italia bene la Lega, PPE vince in Europa

Risultato elezioni europee 2019: in Italia trionfa la Lega con il 34,27% dei voti. PPE ottiene 182 seggi in Parlamento, ovvero il 24,2%. Aggiornamenti anche su elezioni amministrative.

 Risultato europee 2019: in Italia bene la Lega, PPE vince in Europa

Risultato europee 2019: lo spoglio può dirsi terminato e si può stabilire con certezza chi sono i vinti e i vincitori alle elezioni europee.

I numeri parlano chiaro: 8,7 milioni di italiani ha votato la Lega di Matteo Salvini, che conquista il 34,27%, seguito dalla Partito Democratico al 22,73% e il Movimento 5 Stelle al 17,07%. Seguono ancora, in ordine, Forza Italia e Fratelli d’Italia, mentre gli altri Partiti non sono riusciti a superare la soglia del 4% prevista per poter entrare al Parlamento europeo.

In gran parte, il risultato delle elezioni europee era già stato delineato dagli exit poll e dagli ultimi sondaggi politici.

Il gruppo che ha preso più voti a livello europeo è quello dei Popolari (179 seggi), seguito dai Socialisti (150 seggi) e dai Liberali (107 seggi).

Sul fronte delle elezioni amministrative e le regionali in Piemonte, lo scrutinio invece prenderà il via alle ore 14.00 di oggi, lunedì 27 maggio.

Risultato europee 2019 Italia

Il risultato in diretta delle quindici le liste dopo lo scrutinio di 61.557 sezioni su 61.576, con l’affluenza definitiva che è stata del 56,09%.

Tabella aggiornata alle 11:00

SimboloLista Partiti e MovimentiPercentuale
Lega-Salvini Premier Lega, Movimento Nazionale per la Sovranità 34,27%
PD-Siamo Europei Partito Democratico, Articolo 1-MDP, DemoS, Autonomie per l’Europa 22,73%
Movimento 5 Stelle Movimento 5 Stelle 17,07%
Forza Italia Forza Italia, UdC, MpA, Idea, Cantiere Popolare, Nuovo Partito Socialista, SVP, Partito Liberale Italiano, PATT, SKK 8,78%
Fratelli d’Italia Fratelli d’Italia, Diventerà Bellissima, Direzione Italia, L’Alto Adige nel Cuore 6,46%
+Europa +Europa, Italia in Comune, PSI, PRI, Partito Democratico Europeo, Team Köllensperger 3,09%
Europa Verde Verdi, Possibile, Green Italia, Fronte Verde 2,29%
La Sinistra Sinistra Italiana, Rifondazione, L’Altra Europa con Tsipras, Convergenza Socialista, Partito del Sud e Transform Italia 1,74%
Partito Animalista Italiano Partito Animalista Italiano 0,60%
Partito Comunista Partito Comunista 0,88%
SVP SVP 0,53%
Il Popolo della Famiglia-Alternativa Popolare Popolo della Famiglia, Alternativa Popolare 0,43%
CasaPound-Destre Unite CasaPound, Destre Unite 0,33%
Popolari per l’Italia Popolari per l’Italia 0,30%
Partito Pirata Partito Pirata 0,23%
Forza Nuova Forza Nuova 0,15%
/ Autonomie per l’Europa Autonomie per l’Europa 0,07%
/ Popolo delle Partite Iva Popolo delle Partite Iva 0,02%

Dati Ministero dell’Interno, elaborazione Money.it

Lo spoglio dei voti è iniziato in contemporanea con tutti gli altri 27 Paesi membri dell’Unione Europea.

Secondo l’ultimo exit poll realizzato dall’istituto SWG per le elezioni europee in Italia, uscito intorno a mezzanotte, questi sarebbero stati i risultati: Lega 33,1%, PD 21,7%, M5S 19%, Forza Italia 8,6%, Fratelli d’Italia 6,3%, +Europa 3,4%, Europa Verde 2,7% e La Sinistra 1,7%.

Il sistema elettorale in vigore per le elezioni europee vede l’Italia divisa in cinque circoscrizioni: Nord-Est, Nord-Ovest, Centro, Sud e Isole. Si vota per eleggere i 73 deputati, su un totale di 751, che ci rappresenteranno per i prossimi cinque anni il nostro paese nel Parlamento Europeo.

Ogni lista che riuscirà a superare la soglia di sbarramento a livello nazionale del 4% potrà accedere alla ripartizione, secondo una metodologia puramente proporzionale, dei seggi spettanti al nostro paese.

Leggi anche COME SI VOTA ALLE ELEZIONI EUROPEE

Gli exit poll

Se come abbiamo visto lo scrutinio dei voti inizierà in contemporanea in tutti i Paesi dell’Unione, Bruxelles però non ha scelto di adottare un provvedimento analogo per quanto riguarda anche gli exit poll.

Per chi non lo sapesse, gli exit poll sono dei sondaggi elettorali effettuati dai vari istituti all’uscita dei seggi, dove si domanda a un campione selezionato di votanti per chi sarebbe stato espresso il proprio voto.

Non si tratta quindi di risultati reali ma di proiezioni, che a volte ci prendono e altre invece fanno flop. In Olanda e in Irlanda dove si è già votato, sono usciti subito degli exit poll in merito al voto.

Questo può avere influenzato in qualche modo gli elettori degli altri Paesi che ancora devono votare. Un problema che è stato sollevato da più parti ma che è stato ignorato da Bruxelles, che non ha optato per una stretta anche in materia di exit poll.

Il risultato in Europa

Con questo voto gli italiani eleggono i propri 73 eurodeputati. Tutti i 751 parlamentari europei eletti di tutti i Paesi andranno poi a eleggere a maggioranza assoluta il presidente della Commissione Europea.

Per formare una maggioranza sarà necessario un accordo tra i vari gruppi presenti all’interno del Parlamento Europeo. Da tempo quasi tutti i partiti italiani hanno scelto con chi fare squadra a Bruxelles.

Nell’ultima legislatura sono stati otto i gruppi presenti all’interno del Parlamento Europeo, nove se ci contiamo anche il calderone dei Non Iscritti dove sono presenti tutti quei deputati che hanno scelto di non entrare a far parte di nessun raggruppamento.

SimboloNomeSiglaOrientamentoPartiti italiani presentiSeggi
Partito Popolare Europeo PPE Centrodestra, conservatori ed europeisti Forza Italia, SVP, Popolari per l’Italia, Popolo della Famiglia 182
Socialisti & Democratici S&D Centrosinistra, socialisti ed europeisti Partito Democratico 147
Alleanza dei Liberali e dei Democratici per l’Europa ALDE Liberali, centristi ed europeisti +Europa 109
Gruppo dei Verdi V-ALE Ambientalisti e regionalisti Verdi 69
Conservatori e Riformisti ECR Destra, conservatori ed euroscettici Fratelli d’Italia 59
Europa delle Nazioni e delle Libertà ENF Populisti di destra, sovranisti ed euroscettici Lega 58
Europa della Libertà e della Democrazia Diretta EFDD Populisti di destra, democrazia diretta ed euroscetticismo / 54
Sinistra Unitaria Europea GUE/NGL Sinistra, comunisti ed euroscettici La Sinistra 38

In quest’ultima legislatura il Movimento 5 Stelle, al suo esordio a Bruxelles, ha aderito al gruppo EFDD. Giudicato però successivamente troppo spostato a destra, i pentastellati hanno ultimamente ufficializzato il loro addio annunciando la volontà di formare un nuovo raggruppamento dopo le prossime elezioni.

Iscriviti alla newsletter Notizie e Approfondimenti per ricevere le news su Elezioni europee 2019

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.