Reddito di cittadinanza sospeso a gennaio e non per l’ISEE: ecco chi rischia

Teresa Maddonni

08/01/2021

13/04/2021 - 16:17

condividi

Il reddito di cittadinanza viene sospeso a gennaio, ultimo mese di ricarica per molti e non per l’ISEE scaduto che comunque deve essere necessariamente rinnovato per continuare a percepire il sussidio. Ecco chi rischia.

Reddito di cittadinanza sospeso a gennaio e non per l'ISEE: ecco chi rischia

Il reddito di cittadinanza viene sospeso a gennaio e non per l’ISEE 2021, ma per un motivo che potrebbe riguardare solo alcuni beneficiari.

Il mese di dicembre è stato infatti per molti titolari del reddito di cittadinanza quello dell’ultimo pagamento del sussidio. Per tanti infatti sono scaduti i primi 18 mesi del reddito di cittadinanza come previsto dalla normativa in materia.

Si tratta in particolare di coloro che hanno ricevuto la prima ricarica del reddito di cittadinanza a luglio 2019. Ricordiamo che tuttavia sono a rischio sospensione coloro che a gennaio 2021 non rinnovano l’ISEE fondamentale per il reddito di cittadinanza.

Reddito di cittadinanza sospeso a gennaio 2021

Il reddito di cittadinanza viene sospeso a gennaio 2021 per coloro che hanno ottenuto la prima ricarica lo scorso luglio 2019. La norma sul reddito di cittadinanza, il decreto 4/2019 convertito nella legge n.26/2019 stabilisce infatti all’articolo 3 comma 6 che:

“Il Rdc è riconosciuto per il periodo durante il quale il beneficiario si trova nelle condizioni previste all’articolo 2 e, comunque, per un periodo continuativo non superiore a diciotto mesi. Il Rdc può essere rinnovato, previa sospensione dell’erogazione del medesimo per un periodo di un mese prima di ciascun rinnovo. La sospensione non opera nel caso della Pensione di cittadinanza.”

Per molti beneficiari, come abbiamo anticipato, il reddito di cittadinanza è scaduto per le prime 18 mensilità a dicembre quando hanno ricevuto l’ultima ricarica.

Anche se possiedono ancora i requisiti per il rinnovo interviene in ogni caso la sospensione nel mese di gennaio.

Costoro possono già fare domanda di rinnovo del reddito di cittadinanza e ottenere così, se accolta, la prima ricarica delle nuove mensilità entro la metà del mese di febbraio 2021.

Se a fare richiesta per il rinnovo del reddito di cittadinanza sospeso a gennaio è lo stesso beneficiario del nucleo familiare la carta RdC è la medesima.

Reddito di cittadinanza: ISEE 2021 a gennaio per evitare la sospensione

Se però si vuole evitare la sospensione in generale del reddito di cittadinanza il prossimo mese, i beneficiari devono affrettarsi e aggiornare l’ISEE 2021 entro e non oltre il 31 gennaio 2021.

Come ha ricordato INPS in un recente comunicato stampa la dichiarazione ISEE ha validità come noto fino al 31 dicembre dell’anno in cui è stata presentata. Per il reddito di cittadinanza di gennaio 2021, in pagamento per molti in questo mese, i redditi di riferimento sono quelli di dicembre 2020, pertanto vale ancora l’ISEE 2020.

Per evitare la sospensione del reddito di cittadinanza a febbraio sarà però necessario presentare una nuova DSU entro il 31 gennaio e avere così un ISEE aggiornato al 2021 che avrà validità fino al 31 dicembre. Lo stesso vale per la pensione di cittadinanza. INPS nel suo comunicato conclude:

“Si ricorda che il rinnovo dell’ISEE è fondamentale per continuare a percepire anche tutte le numerose prestazioni assistenziali e bonus previsti dalla normativa vigente.”

Regola che vale pertanto per i beneficiari del reddito di cittadinanza che vogliono evitare la sospensione il mese prossimo.

Iscriviti a Money.it