Reddito di cittadinanza: con il rinnovo la carta è la stessa?

Reddito di cittadinanza: con il rinnovo per 18 mesi del beneficio, per molti scaduto a settembre, la carta RdC di Poste Italiane è la stessa o cambia?

Reddito di cittadinanza: con il rinnovo la carta è la stessa?

Reddito di cittadinanza: per molti sarà necessario il rinnovo a partire dal mese di ottobre, ma la carta è la stessa delle prime 18 mensilità o cambia?

Rispondiamo a tutti i beneficiari che immaginiamo si stiano ponendo questa domanda, coloro per i quali il reddito di cittadinanza è scaduto a settembre perché passati 18 mesi dal primo accredito ad aprile 2019 e che possono a ottobre fare richiesta a INPS per le 18 mensilità ulteriori.

Il decreto che ha introdotto il reddito di cittadinanza (dl n.4/2019 convertito nella legge n.26/2019) e che lo disciplina stabilisce che tra la scadenza e il rinnovo vi sia un mese di sospensione pertanto il sussidio a ottobre non verrà pagato, ma è già possibile fare domanda. La carta del reddito di cittadinanza invece non cambia e a confermarlo è una FAQ ministeriale.

Reddito di cittadinanza: con il rinnovo la carta è la stessa

Con il rinnovo del reddito di cittadinanza la carta di Poste Italiane sulla quale viene accreditata la mensilità del beneficio non cambia, ma resta la stessa.

A confermarlo una FAQ del ministero del Lavoro nella pagina ufficiale dedicata al reddito di cittadinanza. La FAQ è stata pubblicata la scorsa settimana, allo scadere del diciottesimo mese del reddito di cittadinanza per molti, al fine di fare chiarezza sulla nuova procedura da seguire.

Il ministero nella FAQ chiarisce che previa la sospensione di un mese del reddito di cittadinanza questo può essere rinnovato e che nel caso in cui la domanda per le ulteriori 18 mensilità sia presentata dallo stesso richiedente, il beneficio viene erogato sulla stessa Carta di pagamento (Carta RdC) rilasciata da Poste Italiane.

La carta quindi non cambia, ma se la domanda per il reddito di cittadinanza viene presentata da un altro componente del nucleo familiare allora è necessario ritirarne una nuova, seguendo pertanto la procedura tradizionale che interessa i nuovi beneficiari.

Reddito di cittadinanza: rinnovo con nuova domanda

Il reddito di cittadinanza può essere soggetto a rinnovo che avviene con una nuova domanda. Nelle medesima FAQ il ministero chiarisce che se permangono le condizioni di bisogno a partire dal mese successivo a quello della scadenza si può presentare una nuova domanda per il reddito di cittadinanza.

Coloro ai quali il reddito di cittadinanza è scaduto a settembre possono fare domanda già dal 1° ottobre.

Se si rispettano i requisiti, l’ISEE deve essere per esempio in corso di validità, dal mese successivo alla domanda di rinnovo si riceverà il reddito di cittadinanza per ulteriori 18 mesi sulla stessa carta RdC.

Pertanto i vecchi beneficiari che rinnovano il reddito di cittadinanza questo mese dovrebbero ricevere il primo pagamento sulla carta entro il 15 di novembre, come avviene per i nuovi. La procedura di presentazione delle domande di rinnovo è la stessa utilizzata per le nuove. Anche il modulo per richiedere i 18 mesi in più è lo stesso.

Per maggiori dettagli su requisiti e come fare domanda rimandiamo alla nostra guida completa sul reddito di cittadinanza.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories