La recessione ci sarà in queste grandi economie

Violetta Silvestri

05/07/2022

05/07/2022 - 16:49

condividi

Recessione o no entro il 2022? Il dilemma è tra i più discussi dagli analisti. Secondo un economista di Nomura, alcune grandi e medie economie mondiali non riusciranno a evitare il rallentamento.

La recessione ci sarà in queste grandi economie

Secondo l’economista capo della società di intermediazione Nomura, molte delle principali economie mondiali cadranno in recessione entro i prossimi 12 mesi, quando le banche centrali si muoveranno per inasprire in modo aggressivo la politica monetaria e combattere l’aumento dell’inflazione.

Questo resta uno degli argomenti caldi del momento, che lascia finora senza una risposta certa il dilemma: ci sarà o non lo shock dovuto al brusco rialzo dei tassi? L’inflazione riuscirà a calare prima che i banchieri del mondo agiscano in modo sempre più aggressivo?

Nelle diverse valutazioni e analisi, gli esperti tentano di offrire delle stime o delle indicazioni sull’economia mondiale che verrà: la recessione potrebbe colpire diversi Paesi importanti per Nomura.

Perché la recessione può arrivare in queste economie

Rob Subbaraman, di Nomura, ha parlato chiaramente a Cnbc:

“In questo momento molte banche centrali sono passate essenzialmente a un unico mandato, quello di abbassare l’inflazione. La credibilità della politica monetaria è un bene troppo prezioso da perdere. Quindi saranno molto aggressive.”

L’esperto ha spiegato che dopo “una politica monetaria super accomodante per troppo tempo”, sperando che l’inflazione fosse transitoria, ora i Governi devono recuperare il ritardo e cercare di riprendere il controllo della narrativa dell’inflazione.

“Un’altra cosa che sottolineo è che, quando molte economie si stanno indebolendo, non puoi fare affidamento sulle esportazioni per la crescita. Questo è un altro motivo per cui pensiamo che questo rischio di recessione sia molto reale e probabilmente accadrà”, ha affermato Subbaraman.

Oltre agli Stati Uniti, Nomura prevede recessioni nella zona euro, Regno Unito, Giappone, Corea del Sud, Australia e Canada il prossimo anno, ha affermato la società di intermediazione in una nota di ricerca.

Negli Usa, Nomura stima un rallentamento superficiale, ma lungo.

“Gli Stati Uniti cadranno in recessione, quindi una crescita del Pil trimestre su trimestre negativa a partire dal quarto trimestre di quest’anno. Sarà una recessione poco profonda ma lunga. La durerà per cinque trimestri consecutivi”, ha affermato Subbaraman.

Nella nota di ricerca, si sottolinea anche che diverse economie di medie dimensioni, tra cui Australia, Canada e Corea del Sud, con boom immobiliari alimentati dal debito, devono sentirsi minacciate. Sono a rischio di recessioni più profonde del previsto se gli aumenti dei tassi di interesse innescano crolli immobiliari e deleveraging, afferma il rapporto.

“La cosa strana è la Cina, che si sta riprendendo dalla recessione mentre l’economia si sblocca tra politiche accomodanti, anche se è a rischio di nuovi stop e un’altra recessione, fintanto che Pechino si attiene alla sua strategia zero Covid”, si legge nella nota.

Si può evitare la recessione?

Il commento sull’attuale situazione e su quello che sarà è piuttosto amaro per Nomura.

“Se le banche centrali non inaspriscono la politica monetaria per ridurre l’inflazione ora, il dolore per l’economia di passare a un regime di inflazione elevata e rimanere bloccati lì è molto maggiore”, ha avvertito Subbaraman.

Questo perché può innescare spirali dei prezzi salariali, che “sarebbero ancora più dolorose per l’economia e per l’uomo e la donna sulla strada nel lungo periodo”, ha aggiunto.

Per l’economia e la società mondiale è meglio affrontare quel dolore e far scendere l’inflazione piuttosto che lasciare questa sfugga al controllo, come abbiamo appreso negli anni ’70: questa la conclusione dell’esperto.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Correlato