Legge di Bilancio 2021, testo approvato: ecco misure e bonus in arrivo

Isabella Policarpio

30 Dicembre 2020 - 15:32

1 Gennaio 2021 - 21:27

condividi
Facebook
twitter whatsapp

La Manovra finanziaria per il 2021 ha incassato la fiducia in Senato. La nuova Legge di Bilancio entrerà in vigore dal 1° gennaio. Vediamo sgravi fiscali, bonus e indennità per imprese, lavoratori e famiglie.

Legge di Bilancio 2021, testo approvato: ecco misure e bonus in arrivo

C’è la fiducia sulla Legge di Bilancio per il 2021. Dopo il sì della Camera, il testo della Manovra ha ottenuto l’ok in Senato con 156 favorevoli, 124 contrari e nessun astenuto.

Da parte del Parlamento c’è stata un’approvazione in tempi record, per scongiurare l’esercizio provvisorio e rispettare le tempistiche stabilite dalla legge.

A causa del poco tempo a disposizione, il testo è arrivato in Senato blindato, senza la possibilità di discutere o modificare gli emendamenti apposti dalla Commissione Bilancio la scorsa settimana.

Soltanto due volte in passato l’approvazione finale delle Legge di Bilancio era stata votata dopo il 25 dicembre.

Ecco una panoramica delle misure in arrivo.

Testo pdf della Legge di Bilancio approvata

Non senza tensioni, l’iter di approvazione della Manovra finanziaria si è concluso con la richiesta del governo del voto di fiducia.

L’opposizione ha contestato la mancata copertura finanziaria di alcune misure inserite nel testo definitivo, tanto che servirà un decreto correttivo. Ad esempio, il bonus di 100 euro in busta paga risulta dimezzato a causa di un errore.

Ecco il testo definitivo approvato in Senato:

Legge di Bilancio per il 2021
Testo definitivo in pdf della Manovra Finanziaria

Le misure anti-Covid nella Legge di Bilancio 2021

Quest’anno la Legge di Bilancio, accanto al consueto piano economico, prevede bonus, indennizzi e sgravi fiscali legati all’emergenza Covid.

Si tratta di 40 miliardi di euro (questo il valore della Manovra) per lavoratori dipendenti e partite Iva, imprese e famiglie.

Tra le misure necessarie a fronteggiare la crisi causata dalla pandemia ci sono la proroga della cassa integrazione, il blocco dei licenziamenti fino al 31 marzo e un piano di assunzioni straordinario per medici ed infermieri, necessario per somministrare i vaccini.

Confermato l’esonero dai contributi per le partite Iva e l’esclusione dalla prima rata dell’IMU per i settori più danneggiati dal coronavirus, ovvero turismo e spettacolo.

Sul fronte Scuola, invece, la Manovra stanzia 3,7 miliardi di euro, questi serviranno prevalentemente alla messa in sicurezza degli istituti.

Circa un miliardo, invece, sarà destinato a sopperire alle perdite del settore automobilistico e del trasporto aereo.

Niente aiuti per il settore wedding e degli sport invernali, che saranno oggetto del nuovo decreto Ristori 5 di gennaio.

Tutti i bonus della Manovra finanziaria

La Legge di Bilancio per il prossimo anno si caratterizza per il gran numero di bonus, tra nuovi e confermati:

  • il super bonus al 110% viene prorogato al 30 giugno 2020
  • bonus mobili aumentato a 16 mila euro
  • bonus occhiali
  • bonus chef
  • bonus idrico
  • bonus smartphone e connessione Internet (per famiglie con ISEE fino a 20 mila euro)

Assegno unico figli

Tra le novità più attese, l’assegno unico per i figli a carico, per il quale sono stati stanziati 3 miliardi di euro.

L’assegno unico metterà insieme le altre misure in favore di famiglie con figli previste fino ad ora. La sua entrata in vigore è prevista per il 1° luglio 2021.

Proroga bonus casa

Nonostante pareri oscillanti, alla fine la proroga del bonus casa è stata confermata. Il pacchetto di agevolazioni sui lavori edilizi comprende:

Cassa integrazione e divieto licenziamento

Confermata la proroga della cassa integrazione Covid per ulteriori 12 settimane, fruibili fino al 31 marzo 2021.

Stesso limite anche per il divieto di licenziamento e per l’esonero dal versamento dei contributi previdenziali per i datori di lavoro che rinunciano alla cassa integrazione.

Pensioni

La Manovra contiene quella che è stata definita la “Mini riforma delle pensioni”. Il testo, infatti, proroga Opzione donna e l’Ape sociale, quest’ultima estesa ai soggetti disoccupati che non beneficiato dell’indennità di disoccupazione per mancanza del requisito assicurativo/contributivo.

Bonus bebè e congedo di paternità

Grandi novità a tutela delle famiglie, tra cui la proroga di un anno del bonus bebè e la conferma del congedo di paternità fino a 10 giorni.

L’importo del bonus varia a seconda della condizione economica del nucleo familiare:

  • con ISEE fino a 7.000 euro è di 160 euro al mese;
  • con ISEE tra 7.000 euro e 40.000 euro il bonus è di a 120 euro al mese;
  • con ISEE superiori a 40.000 euro l’importo è di 80 euro mensili.

Reddito di cittadinanza

La Legge di Bilancio per il nuovo anno conferma il rifinanziamento del reddito di cittadinanza fino al 2029. Per l’anno 2021, le risorse economiche messe in campo dovrebbero ammontare a 196,3 milioni di euro.

Le regole per l’assegnazione del reddito di cittadinanza restano le stesse di quelle previste dalla legge n. 26 del 29 marzo 2019.

Lotteria degli scontrini

La lotteria degli scontrini abbandona i contanti, nell’ottica di favorire i pagamenti digitali. Il “gioco” di Stato contro l’evasione fiscale sarà dedicato esclusivamente ai pagamenti tramite carte, bancomat ed altri sistemi tracciabili.

Credito d’imposta per l’adeguamento degli ambienti di lavoro

Confermato il credito d’imposta per l’adeguamento degli ambienti di lavoro; il tempo a disposizione per richiedere il beneficio viene esteso di altri 6 mesi, quindi potrà essere richiesto fino alla fine di giugno 2021, anche con cessione del credito.

Bonus telefono e digitalizzazione

Tema centrale della nuova Legge di Bilancio sono gli investimenti nella digitalizzazione, per ridurre il divario digitale delle famiglia e basso reddito. Si prevede la concessione di un dispositivo mobile in comodato d’uso gratuito a determinate condizioni:

  • almeno un figlio iscritto ad un ciclo di istruzione scolastica o universitaria;
  • reddito ISEE non superiore a 20.000 euro annui;
  • non essere titolari di un contratto di connessione internet e di un contratto di telefonia mobile;
  • dotarsi del sistema pubblico di identità digitale (SPID).

Le modalità di accesso al beneficio saranno definite entro 60 giorni dall’entrata in vigore della Manovra con decreto del Presidente del Consiglio o con decreto del Ministro per l’innovazione tecnologica e la digitalizzazione.

Bonus TV

Viene istituito un Fondo di 100 milioni di euro per il 2021 al fine di finanziare ulteriormente il contributo per la sostituzione degli apparecchi televisivi (di cui all’articolo 1, comma 1039, lettera c, della legge 27 dicembre 2017, n. 205).

La misura è finalizzata sia ad incentivare l’acquisto di apparecchiature nuove che a favorire lo smaltimento di quelle obsolete, in particolare dei televisori non idonei alla ricezione dei programmi con le nuove tecnologie DVB-T2.

A chi spetta e come richiederlo, nel nostro articolo di approfondimento sul bonus TV 2020.

Detrazione spese veterinarie

Il tetto detraibile in dichiarazione dei redditi relativo alle spese veterinarie viene elevato da 500 a 550 euro; a queste si applica la detrazione Irpef pari al 19%, limitatamente alla parte che eccede 129,11 euro.

Semplificazioni fiscali

Corposa parte della Manovra Finanziaria per il nuovo anno è dedicata alla semplificazione fiscale. In particolare si prevede che potranno annotare trimestralmente (e non ogni mese) le fatture nei registri IVA, con le stesse tempistiche previste per la liquidazione dell’IVA, i soggetti seguenti:

  • titolari di partita IVA con volume d’affari non superiore a 400.000 euro;
  • imprese che esercitano altre attività con volume d’affari fino a 700.000 euro.

A partire dal 1° gennaio 2022 viene cancellato l’esterometro, significa che l’invio dei dati relativi alle operazioni con l’estero avverrà tramite il Sistema di Interscambio.

Questo consente all’Agenzia delle Entrate di elaborare in maniera più accurata le bozze dei documenti IVA precompilati, i registri e le dichiarazione IVA.

Esenzione IMU settore turismo e spettacolo

Tra le misure introdotte in favore del settore turistico e dello spettacolo - i più colpiti dal Covid - compare l’esenzione della prima rata dell’IMU per il 2021, relativamente agli immobili connesse alle attività. Quindi:

  • stabilimenti balneari e stabilimenti termali; alberghi, pensioni, agriturismi, villaggi turistici, ostelli, rifugi di montagna, colonie marine e montane, affittacamere, appartamenti per vacanze, bed & breakfast, residence e campeggi;
  • immobili in uso di imprese esercenti attività di allestimento nell’ambito di eventi fieristici o manifestazioni;
  • discoteche, sale da ballo, night-club, sempre che i soggetti passivi siano anche gestori delle attività.

Fondo per la riqualificazione turistica

Nel testo è istituto un un Fondo di 4 milioni di euro per l’anno 2021, per la tutela e valorizzazione delle “aree di interesse archeologico e speleologico”. Il Fondo serve a finanziare gli interventi di riqualificazione e adeguamento degli impianti di illuminazione e la messa in sicurezza dei complessi a vocazione turistica.

Inoltre, viene rafforzata la disciplina dei contributi a fondo perduto per attività economiche e commerciali nei centri storici di interesse turistico, individuati dall’articolo 59 del D.L. n. 104/2020 (decreto Agosto).

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories