Lotteria degli scontrini 2020: cos’è e come funziona? Premi e novità

Lotteria degli scontrini 2020: come funziona? Regole in chiaro nella guida dell’Agenzia delle Entrate che illustra punto per punto premi previsti, estrazioni e come partecipare.

Lotteria degli scontrini 2020: cos'è e come funziona? Premi e novità

Lotteria degli scontrini 2020, a spiegare come funziona è la guida dell’Agenzia delle Entrate pubblicata il 6 marzo.

Partirà dal 1° luglio 2020 la lotteria pensata per combattere l’evasione fiscale. La prima estrazione è prevista il 7 agosto e l’appuntamento con la Dea Bendata è fissata al giovedì di ogni mese.

Dai premi, fino alle estrazioni e alle modalità di partecipazione alla lotteria degli scontrini, sono diverse le istruzioni fornite dall’Agenzia delle Entrate.

La lotteria degli scontrini sarà strutturata su due diversi binari, con premi differenziati per chi paga con carta e per chi paga in contanti. Più generosi saranno i premi della lotteria cashless: è prevista un’estrazione annuale da 5 milioni di euro e 10 estrazioni mensili da 100.000 euro.

Per i pagamenti in contanti il maxi premio di fine anno sarà di 1 milione di euro, e ci saranno ulteriori tre estrazioni, ogni quattro mesi, da 30.000 euro.

Nuove regole partiranno poi dal 2021, quando a cambiare saranno sia gli importi dei premi che le estrazioni: sarà aggiunta quella settimanale, dal valore di 25.000 euro per la lotteria cashless e 5.000 euro per la lotteria degli scontrini pagati con contanti.

Sono questi gli ultimi dettagli diffusi su come funziona la lotteria degli scontrini. Per parteciparvi bisognerà richiedere il codice lotteria sul sito dell’Agenzia delle Entrate, a partire dal 9 marzo.

La lotteria degli scontrini sarà a partecipazione facoltativa: solo chi comunicherà il codice al commerciante concorrerà alle estrazioni.

Potranno partecipare alla lotteria degli scontrini tutte le persone fisiche maggiorenni residenti in Italia che effettuano acquisti di beni o servizi, fuori dall’esercizio di attività di impresa, arte o professione.

L’obiettivo finale è quello di contrastare l’evasione fiscale, invogliando i contribuenti a richiedere il rilascio di scontrini e ricevute. Un incentivo è previsto anche per gli esercenti, per i quali saranno previste specifiche estrazioni.

Cos’è la lotteria degli scontrini e come funziona

Secondo il Governo, la possibilità di partecipare alla lotteria di Stato incentiverà i consumatori a richiedere l’emissione dello scontrino fiscale al rivenditore.

Il gioco a premi anti evasione si lega all’obbligo di memorizzazione e trasmissione telematica dei corrispettivi per tutti gli operatori IVA, il cosiddetto scontrino elettronico obbligatorio dal 1° gennaio 2020 per tutti.

La lotteria degli scontrini in avvio dal 1° luglio 2020, sarà la prima misura anti-evasione che coinvolgerà direttamente il consumatore, il quale al momento dell’emissione dello scontrino dovrà fornire al rivenditore del bene o al professionista il proprio codice lotteria per poter partecipare all’estrazione dei premi mensili ed annuali previsti.

Il codice rilasciato finirà nel calderone di dati che il titolare di partita IVA dovrà trasmettere all’Agenzia delle Entrate che, a sua volta, fornirà le informazioni necessarie per l’estrazione a sorte all’Agenzia dei Monopoli.

Il Decreto Fiscale 2020, per evitare intoppi sulla riuscita del piano anti-evasione del Governo, aveva inizialmente introdotto una sanzione per evitare il boicottaggio della lotteria degli scontrini.

Nella prima versione del provvedimento era prevista una sanzione dai 100 ai 500 euro per i commercianti che avessero rifiutato di comunicare i dati del cliente all’Agenzia delle Entrate.

Nella legge di conversione, la sanzione è stata sostituita dalla possibilità per il consumatore di segnalare l’esercente che rifiuterà di indicare i dati necessari per la partecipazione alla lotteria degli scontrini. Il cliente spia del Fisco contribuirà alla predisposizione delle liste di professionisti ed imprese a rischio evasione, nei confronti dei quali si concentreranno i controlli dell’Agenzia delle Entrate.

Lotteria degli scontrini 2020: per partecipare serve il “codice lotteria”

Come anticipato, il consumatore che intende partecipare alla lotteria dovrà rilasciare all’esercente il proprio codice lotteria, da richiedere accedendo al sito www.lotteriadegliscontrini.gov.it.

Le prime istruzioni sono state fornite con il provvedimento del 31 ottobre 2019. Non bisognerà fornire il codice fiscale, come precedentemente si pensava, ma il codice lotteria, che ogni consumatore dovrà generare sul cosiddetto “portale della lotteria” sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Il codice, così come i dati relativi alla vendita (modalità di pagamento, ammontare del corrispettivo) saranno poi trasmessi dai commercianti all’Agenzia delle Entrate.

La richiesta del codice alfanumerico sarà possibile anche da parte di chi non è in possesso di credenziali per l’accesso ai servizi online del Fisco. Il portale lotteria prevede un’area pubblica per il rilascio.

Bisognerà invece avere le credenziali SPID, Fisconline o CNS per poter accedere all’area riservata del Portale Lotteria, mediante il quale consultare i propri biglietti virtuali e controllare le vincite.

Lotteria degli scontrini e cashless, premi più alti per chi paga con carte o bancomat

Il gioco a premi di Stato sarà suddiviso su due binari: vi sarà la lotteria per chi paga in contanti e quella cashless per chi paga con carte o bancomat. A fornire i dettagli è la guida dell’Agenzia delle Entrate, ed i premi saranno articolati come segue:

EstrazionePremi lotteria degli scontrini cashlessPremi lotteria degli scontrini contanti
Annuale 5.000.000 euro 1.000.000 euro
Mensile 100.000 euro 30.000 euro
Settimanale (dal 2021) 25.000 euro 5.000 euro

Saranno 10 i premi mensili previsti dalla lotteria cashless, per un importo pari a 100.000 euro l’uno. Somma ridotta per chi paga in contanti: saranno 3 i premi di importo pari a 30.000 euro ciascuno.

Dal 2021 alle estrazioni mensili si aggiungeranno quelle settimanali, con 15 premi da 25.000 euro per il cashless e 7 da 5.000 euro per chi paga on contanti.

Ancora più allettante è il premio previsto dall’estrazione di fine anno: il più fortunato potrebbe portare a casa fino ad 5 milioni di euro grazie alla lotteria cashless ed 1 milione con la lotteria del contante.

I biglietti della lotteria degli scontrini non saranno cartacei ma virtuali e verranno rilasciati nel caso di spesa pari almeno ad 1 euro, fino ad un massimo di 1.000.

Lotteria degli scontrini 2020, premi anche per gli esercenti

Non solo i consumatori ma anche gli esercenti potranno trarre benefici della lotteria degli scontrini, ma soltanto per i pagamenti con moneta tracciabile, carte o bancomat.

In favore di commercianti ed artigiani, la lotteria cashless prevede l’estrazione di fine anno di un premio pari ad 1 milione di euro e quelle mensili per una somma pari a 20.000 euro. Dal 1° gennaio 2021 le estrazioni settimanali consentiranno di portare a casa una somma pari a 5.000 euro a 15 fortunati negozianti.

Nel caso di vincita da parte del consumatore sarà attribuito un premio anche all’esercente.

Lotteria degli scontrini 2020, nuovi adempimenti per i commercianti

Tra consumatori e Dea Bendata vi saranno i negozianti. L’avvio della lotteria degli scontrini è legato a doppio filo all’entrata in vigore dell’obbligo generalizzato di trasmissione telematica dei corrispettivi.

A partire dal 1° gennaio 2020 è obbligatorio per tutti il cosiddetto scontrino elettronico, che ha mandato in soffitta la carta anche per i soggetti tenuti a certificare le operazioni con mediante scontrini o ricevute fiscali.

Secondo le regole generali previste dal Decreto Legge fiscale collegato alla Manovra, la trasmissione dei dati da parte degli operatori IVA non riguarda solamente il dato cumulato dei corrispettivi giornalieri, ma anche i dettagli della singola operazione, ovvero:

  • data;
  • importo;
  • modalità di pagamento;
  • codice lotteria del cliente.

Solamente tramite l’acquisizione dei dati sopracitati sarà possibile per l’Agenzia delle Entrate attuare i processi automatici di estrazione a sorte.

Iscriviti alla newsletter Fisco e Tasse per ricevere le news su Scontrino fiscale

Condividi questo post:

4 commenti

foto profilo

Morik • 2 mesi fa

Ma quando il commerciante comunica i dati sullo scontrino, comunica anche quello che effettivamente ho acquistato?

foto profilo

gianpasquale • 3 mesi fa

Lo scopo potrebbe essere valido, ma la procedura è talmente farraginosa che chi la ha ideata meriterebbe il licenziamento in tronco da qualsiasi organismo.
Se non si snellisce tutto sarà un fallimento colossale... A parte le file alle casse, quale negoziante si prenderà la briga di spedire qualcosa... è ridicolo!

foto profilo

Gin@ • 3 mesi fa

Ma come si richiede il codice lotteria ?X partecipare. On line ??o di.persona all’ ufficio dell’ entrate ???nn basta il codice fiscale ..nn piu..!!!nn si sa!!!!!!

foto profilo

Pier Luigi • Settembre 2019

Spero che il discorso di dover fornire il proprio codice fiscale non si necessario per i pagamenti con carta in quanto il C.F. è già registrato dalla tua banca, Per quanto riguarda il pagamento in contanti la tessera del C.F. dovrebbe essere letta dal POS per registrare il codice fiscale sullo scontrino.

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.