Calcolo scorporo IVA con esempio numerico

Calcolo scorporo IVA: ecco un esempio numerico e la formula per capire come fare e tutte le istruzioni su cos’è e a cosa serve.

Calcolo scorporo IVA con esempio numerico

Calcolo scorporo IVA: vediamo di seguito come fare e qual è la formula per calcolarlo.

Spieghiamo innanzitutto di cosa stiamo parlando.

Lo scorporo dell’IVA è un procedimento di calcolo mediante il quale viene determinato il valore fiscalmente imponibile di un bene e l’IVA, partendo dal prezzo IVA compreso.

Questo articolo risulterà quindi utile a coloro che hanno intenzione di approfondire cos’è e come si calcola lo scorporo dell’IVA. Oppure ancora per comprendere come scorporare l’IVA conoscendo il prezzo totale di un bene o di un servizio.

Ecco alcuni utili consigli per comprendere in cosa consiste lo scorporo dell’IVA e come effettuare correttamente il calcolo.

Cos’è lo scorporo dell’IVA?

Partiamo dalle basi: cos’è lo scorporo dell’IVA?

Lo scorporo dell’IVA è quell’operazione mediante la quale viene separato l’importo complessivamente pagato per il prezzo di un bene in due distinte parti componenti:

  • base imponibile ovvero costo effettivo del bene senza IVA;
  • IVA ovvero imposta sul valore aggiunto pagata sul bene considerato.

Come si calcola lo scorporo dell’IVA?

Avete capito quindi cos’è lo scorporo IVA e a cosa serve?

Si tratta di un’operazione molto importante soprattutto per le imprese, per le quali è utile conoscere il valore dell’IVA in un’operazione di acquisto da altre imprese (per l’impresa l’IVA non è un costo ma una posta di natura finanziaria: debito sulle vendite e credito sugli acquisti).

Come effettuare il calcolo dell’IVA conoscendo il prezzo di un bene?

Il calcolo è semplice e appartiene alla famiglia dei riparti e delle proporzioni.
Si tratta, per essere precisi come il nostro professore di matematica a scuola ci avrebbe consigliato, di un “calcolo percentuale sopra 100”.

La base di partenza è la proporzione fondamentale:

100 : r = S : P

dove:

r= tasso da applicare, in questo caso l’aliquota IVA di riferimento;
S= somma sulla quale viene calcolata la percentuale;
P= valore percentuale totale.

In base alla cosiddetta proprietà del comporre, che afferma che il 1° termine sta alla somma del 1° e del 2° come il 3° termine sta alla somma del 3° e del 4°, può essere derivata la seguente proporzione:

100 : (100+r) = S : (S+P)

E’ questa la formula fondamentale che sta alla base dello scorporo IVA.

Calcolo scorporo IVA: un esempio numerico

Come scorporare, quindi, l’IVA da un prezzo totale? Per lo scorporo dell’IVA occorre comprendere il meccanismo sopra esposto, se non altro per capire le basi su cui si fonda il calcolo.
Proviamo ora a fare un esempio numerico per verificare se è chiaro come calcolare lo scorporo dell’IVA.
Si ipotizzi, a titolo di esempio, di aver acquistato una calcolatrice a 20 euro IVA inclusa e di sapere che l’aliquota IVA sulle calcolatrici è il 22%.
Come scorporare l’IVA?
Riprendendo la proporzione precedente si può procedere come segue:

100 : (100+22) = S : (20)

L’incognita in questo caso è rappresentata da S ovvero dal prezzo senza IVA:

S = (100*20)/122 = 16,40 euro

Il prezzo della calcolatrice senza IVA è quindi pari a 16,40 euro; per ottenere l’IVA si può procedere in due modi:

  • fare la differenza tra l’importo ottenuto ed il prezzo totale;
  • calcolare l’aliquota IVA sull’importo ottenuto.

Per semplicità e velocità di calcolo dello scorporo IVA lo stesso risultato si può ottenere dividendo il prezzo IVA inclusa per 1,22 ovvero per 1,04 (aliquota IVA 4%) ovvero per 1,1 (aliquota IVA 10%).

Tornando al nostro esempio di scorporo IVA avremmo potuto semplicemente procedere come segue:

20/1,22= 16,40 euro

16,40*22%= 3,60 euro

Iscriviti alla newsletter Fisco e Tasse per ricevere le news su IVA

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.