Lotteria degli scontrini, novità: ecco come partecipare alle estrazioni

Per partecipare alla lotteria degli scontrini e alle estrazioni dei premi servirà il codice lotteria e non quello fiscale: le novità nel provvedimento dell’Agenzia delle Entrate del 31 ottobre 2019.

Lotteria degli scontrini, novità: ecco come partecipare alle estrazioni

Lotteria degli scontrini, novità in arrivo: l’Agenzia delle Entrate ha diffuso le indicazioni da seguire per la partecipazione alle estrazioni.

Il consumatore che intende partecipare dovrà rilasciare il proprio codice lotteria, da scaricare sul portale dedicato che sarà predisposto entro la fine dell’anno.

Non il codice fiscale dunque, come precedentemente si pensava, ma il codice lotteria, che ogni consumatore dovrà generare sul cosiddetto “portale della lotteria” sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Manca davvero poco all’entrata in vigore della lotteria degli scontrini, cioè al 1° gennaio 2020, e finalmente l’Amministrazione Finanziaria ha diffuso informazioni più precise riguardanti la trasmissione dei dati.

Le novità riguardanti la lotteria degli scontrini sono contenute nel provvedimento del 31 ottobre 2019 dell’Agenzia delle Entrate.

Come trasmettere il codice lotteria? Gli esercenti dovranno fare in modo di avere i registratori telematici configurati entro il 31 dicembre 2019 per consentire l’acquisizione del codice, anche tramite lettura ottica.

A dover essere configurati sono tutti i registratori telematici. Gli unici modelli che non dovranno trasmettere i dati per la partecipazione alla lotteria sono quelli utilizzati dai soggetti tenuti all’invio dei dati al sistema Tessera Sanitaria.

Medici e farmacie, infatti, non trasmetteranno i dati necessari all’attuazione della lotteria degli scontrini fino al 30 giugno 2020.

Lotteria degli scontrini, novità: codice lotteria per partecipare alle estrazioni

Per partecipare alla lotteria degli scontrini, che entrerà in vigore dal 1° gennaio 2020, bisognerà generare il proprio codice lotteria sul “portale della lotteria” che verrà predisposto dall’Agenzia delle Entrate.

Probabilmente, il codice potrà essere generato all’interno della propria area utente, accedendo tramite le credenziali SPID o Fisconline, ma sul punto si attendono ulteriori informazioni dall’Agenzia delle Entrate.

La prima grande novità contenuta nel provvedimento del 31 ottobre dell’Agenzia delle Entrate riguarda dunque i consumatori.

Al momento della memorizzazione dei dati, il cliente dovrà dire all’esercente di voler partecipare alla lotteria degli scontrini e dovrà comunicargli il proprio codice lotteria.

La seconda novità contenuta nel provvedimento riguarda gli esercenti: per poter trasmettere i dati, i commercianti dovranno fare in modo che il proprio registratore telematico sia configurato per consentire l’acquisizione del codice lotteria anche tramite lettura ottica entro il 31 dicembre 2019.

Gli unici soggetti che fino al 30 giugno 2020 non dovranno trasmettere i dati per la lotteria degli scontrini sono medici, farmacie e tutti gli altri soggetti tenuti all’invio dei dati al sistema Tessera sanitaria.

Il Registratore Telematico (o Server RT) genererà sia durante la giornata che al momento della chiusura della cassa dei Documenti Commerciali. Verranno trasmessi separatamente e in un momento casuale quelli che concorreranno alle estrazioni della lotteria degli scontrini.

Il Server RT genera il tracciato record composto da tutti i documenti commerciali corredati di codice lotteria dei clienti, per poi trasmetterlo all’Agenzia delle Entrate.

Provvedimento AdE 31/10/19
Memorizzazione elettronica e trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi validi ai fini della lotteria degli scontrini

Lotteria degli scontrini, l’ok del Garante Privacy sui dati trasmessi

Nel caso di partecipazione alla lotteria degli scontrini, le informazioni che saranno trasmesse all’Agenzia delle Entrate sono le seguenti:

  • denominazione del cedente/prestatore;
  • identificativo/progressivo completo del documento trasmesso;
  • identificativo del punto cassa (in caso di server RT);
  • data e ora del documento;
  • importo del corrispettivo, importo del corrispettivo pagato in contanti, importo del corrispettivo pagato con strumenti elettronici e importo del corrispettivo non pagato;
  • codice lotteria del cliente.

All’Agenzia delle Entrate vanno comunicati anche i documenti commerciali finalizzati alla lotteria in caso di reso o annullamento.

La novità contenuta nel provvedimento del 31 ottobre, cioè che per partecipare alla lotteria degli scontrini sarà utilizzato un codice lotteria e non il codice fiscale, è uno dei cambiamenti dovuti alla necessità di proteggere i dati personali.

In questo modo, infatti, verranno trasmessi solo i dati necessari al sistema lotteria, come concordato con il Garante della Privacy.

Ricordiamo infine che sono previste delle sanzioni da 100 a 500 euro per i commercianti che non permettono ai propri clienti di partecipare alla lotteria degli scontrini.

Durante i primi sei mesi di obbligo di acquisizione del codice lotteria e trasmissione dei dati è prevista una moratoria delle sanzioni per i commercianti che useranno registratori di cassa non idonei alla trasmissione telematica ma che memorizzeranno i corrispettivi.

Le operazioni di memorizzazione e di trasmissione telematica dei corrispettivi devono essere effettuate mediante registratore telematico oppure tramite la procedura web denominata “documento commerciale online” presente nel portale “Fatture e corrispettivi” dell’Agenzia delle Entrate.

Iscriviti alla newsletter Fisco e Tasse per ricevere le news su Scontrino fiscale

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.