Email Agenzia delle Entrate, la truffa che ruba i dati sensibili: l’allarme della Polizia di Stato

Email dall’Agenzia delle Entrate, attenzione alle truffe: l’allarme stavolta viene dalla Polizia di Stato, che invita gli utenti a non scaricare l’allegato, poiché si tratta di un trojan studiato per rubare dati sensibili.

Email Agenzia delle Entrate, la truffa che ruba i dati sensibili: l'allarme della Polizia di Stato

Agenzia delle Entrate, attenzione alle truffe via email: l’allarme questa volta arriva direttamente dalla Polizia di Stato, che ha comunicato sia sul suo sito che tramite tweet l’ennesimo tentativo di phishing a danno dei contribuenti.

Questa volta si tratta di email che invitano gli utenti ad aprire l’allegato contenuto nell’email: si tratta di un malware studiato per rubare i dati sensibili.

L’invito della Polizia di Stato è di non aprire l’allegato, verificare sempre l’attendibilità delle fonti e di segnalare i tentativi di truffa.

Email Agenzia delle Entrate, la truffa che ruba i dati sensibili: l’allarme della Polizia di Stato

L’ennesimo tentativo di truffa via mail utilizzando il logo dell’Agenzia delle Entrate è stato segnalato, stavolta, dalla Polizia di Stato.

Nel comunicato diramato dalla Polizia di Stato si legge che l’obiettivo è quello di “rubare le credenziali bancarie, carte di credito e dati sensibili delle vittime”.

Ecco perché il consiglio è quello di non aprire l’allegato presente nell’email: si tratta di un trojan studiato appositamente per rubare i dati sensibili degli utenti.

La Polizia di Stato raccomanda, infine, di segnalare i casi di truffa tramite l’apposito portale.

Agenzia delle Entrate, occhio alle truffe: nelle email ufficiali non ci sono mai i dati sensibili

Una email da parte dell’Agenzia delle Entrate provoca sempre una certa tensione da parte di chi la riceve, e chi organizza queste truffe lo sa bene. Per questo motivo vogliamo ricordare ai lettori che le comunicazioni ufficiali da parte dell’Amministrazione Finanziaria non contengono mai i dati sensibili dei contribuenti.

Già da questo dettaglio quindi si può distinguere facilmente una email ufficiale, proveniente davvero dall’Agenzia delle Entrate, da un tentativo di phishing.

Le informazioni personali dei contribuenti sono consultabili esclusivamente nel Cassetto fiscale, a cui si accede:

  • tramite codice PIN, se si tratta della persona fisica che utilizza il servizio Fisconline;
  • tramite codice personale per gli utenti Entratel, ovvero gli intermediari abilitati.

È importante quindi ricordarsi di non fidarsi di questo genere di comunicazione, evitando di aprire link o scaricare allegati.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories