Decreto agosto approvato: tutte le misure in arrivo

Trovato l’accordo salvo intese tecniche sul nuovo decreto agosto con tante novità per lavoratori e disoccupati: proroga cassa integrazione, Naspi e stop ai licenziamenti. Ecco cosa prevede.

Dopo una settimana di incessante lavoro, il Governo ha concordato le misure del nuovo decreto agosto: tante le novità su Scuola, lavoro, cassa integrazione e bonus per lavoratori stagionali e dello spettacolo.

Rispetto alla bozza iniziale, il testo del decreto legge sale a 103 articoli (12 in più della versione precedente) dove trovano conferma una nuova tranche del reddito di emergenza e lo stop al pagamento dell’Imu per discoteche e strutture alberghiere. C’è l’accordo anche sul blocco dei licenziamenti che sarà legato alla CIG. Altre misure invece sono in fase di approvazione.

Un decreto imponente che ha richiesto lo scostamento di bilancio per il valore di 25 miliardi di euro e che servirà a sostenere la ripartenza economica dell’Italia nei prossimi mesi. Nella serata di oggi il Consiglio dei Ministri ha dato il via libera al decreto agosto, con misure per far fronte alla crisi causata dal coronavirus.

Proroga cassa integrazione

Tra le novità di maggior rilievo spicca la proroga della cassa integrazione, per la quale si pensa ad una estensione per altre 9 settimane + 9.

Le 18 settimane complessive devono essere collocate nel periodo compreso tra il 13 luglio 2020 e il 31 dicembre 2020. Per avere diritto alla proroga della CIG i datori di lavoro devono autocertificare all’INPS la riduzione di fatturato di almeno il 20%.

Stop ai licenziamenti


Sciolto il nodo della proroga del divieto di licenziamento. L’accordo delle forze al Governo lega lo stop ai licenziamenti all’estensione della cassa integrazione: in altre parole le aziende che usufruiranno degli sgravi previsti o della CIG non potranno licenziare i dipendenti almeno fino alla metà di novembre, termine ancora non confermato in via ufficiale.

Reddito di emergenza

Rispetto alla bozza iniziale nel dl agosto compare anche una nuova tranche per il reddito di emergenza, ammortizzatore destinato ai nuclei familiari economicamente più fragili. Il decreto agosto prevede un assegno “una tantum” di importo variabile tra 400 e 800 euro, modulato in base al reddito e ai componenti della famiglia, secondo le regole stabilite nel dl Rilancio.

Rateizzazione e proroga adempimenti fiscali

Confermata la proroga del pagamento di tasse e versamenti relativi a marzo, aprile e maggio e in scadenza il 16 settembre. Questi potranno essere saldati in piccole rate spalmate su 2 anni, fino al 2022.

In conferenza stampa, il presidente Conte ha annunciato inoltre 4 mesi di sgravi contributivi al 100% per le imprese che richiamano i lavoratori.

Niente Imu per discoteche e strutture turistiche

Sono esclusi dalla seconda rata dell’Imu i lavoratori dello spettacolo, del settore turistico e le discoteche, la cui riapertura è stata rimandata ancora una volta. Questo significa niente imposta municipale per villaggi turistici, alberghi, lidi balneari, centri termali, sale da ballo e locali notturni. Sono esenti anche gli immobili destinati a fiere, convegni e congressi, i cinema e i teatri.

Bonus baby sitter per medici e infermieri

Nel dl agosto ci saranno nuovi fondi per il bonus baby sitter destinato agli operatori sanitari, protagonisti dell’emergenza covid: l’importo del bonus risulta triplicato ma potrebbe essere suscettibile di modifiche.

Bonus consumi in bilico

Non si hanno informazioni certe riguardo al bonus per i pagamenti tramite Pos al ristorante o per l’acquisto di elettrodomestici, vestiario e calzature. Al suo posto potrebbe subentrare un pacchetto di incentivi economici per favorire le assunzioni nel Mezzogiorno.

Le misure per il Sud


Il Governo ha annunciato il taglio del 30% del cuneo fiscale per tutte le imprese del Sud. La decurtazione entrerà in vigore ad ottobre e varrà per tutti i dipendenti, non soltanto i nuovi assunti. Una misura dall’impatto «davvero significativo», ha detto il ministro Giuseppe Provenzano, che riguarda quasi 500.000 imprese, la maggior parte delle quali riguarda meno di 10 dipendenti.

Cassa per cessazione per AirItaly


“Un importante intervento per i 1.500 lavoratori di AirItaly”, ha detto la ministra del Lavoro Nunzia Catalfo parlando della cassa per cessazione per 10 settimane.

Iscriviti alla newsletter

Decreto agosto approvato: tutte le misure in arrivo

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories