Cashback: cos’è e come funziona? Il significato della misura pensata dal governo

Cos’è il cashback, come funziona e cosa cambierà con la misura che il governo vuole inserire in manovra di bilancio? Guida al significato del termine

Cashback: cos'è e come funziona? Il significato della misura pensata dal governo

Cos’è il cashback, come funziona, ma soprattutto cosa cambierà con la sua introduzione nella Legge di Bilancio 2020?

Sul significato del termine gli italiani hanno iniziato ad interrogarsi qualche ora fa, quando il governo ha presentato finalmente la tanto attesa NADEF, primo passo ufficiale verso l’elaborazione della finanziaria.

Ed è proprio in virtù del suo significato che il cashback potrebbe cambiare le carte in tavola per i cittadini italiani disposti ad abbandonare il contante e a utilizzare con maggior frequenza i metodi di pagamento tracciabili. La misura potrebbe portare a rimborsi fino ad oggi inaspettati.

Proprio per questo capire cos’è il cashback, qual è il significato del termine e cosa cambierà con la sua introduzione è oggi più necessario che mai.

Cos’è il cashback: significato del termine

Il termine è composto dalle due parole inglesi cash (denaro) e back (indietro). Già da questo insomma potremmo iniziare a comprendere cos’è il cashback e come funziona. Ma scendiamo nel dettaglio.

Il significato del termine è letteralmente quello di sconto. La domanda è: cosa ha a che vedere questa misura con la Legge di Bilancio e perché il governo sta puntando così tanto su di essa?

Come funziona e cosa cambia con la sua introduzione

Vale innanzitutto la pena di chiarire che la misura è stata pensata dall’esecutivo di conte con un obiettivo ben preciso: quello di arginare una volta per tutte l’evasione fiscale.

Da qui l’idea di introdurre incentivi per chi paga con carte di credito e bancomat e per chi sceglie dunque di abbandonare il denaro contante.

A chi si chiede cos’è il cashback potremmo dunque rispondere definendolo un vero e proprio incoraggiamento volto a indirizzare gli italiani verso metodi di pagamento tracciabili.

Proprio per il suo significato, con l’introduzione della misura chi effettuerà operazioni con carte e bancomat pagherà esattamente la stessa IVA di coloro che utilizzeranno il contante. Successivamente però chi avrà usato le carte riceverà un rimborso più o meno del 2% o 4% dell’imposta versata.

In Italia la maggior parte dei consumatori sembra ancora prediligere l’utilizzo del contante. I dati percentuali sono persino superiori a quelli della media europea. Nulla di male se non fosse che il cash è spesso usato con finalità illecite ed è il principale strumento di evasione fiscale.

Il significato della misura pensata dall’esecutivo sarà dunque quello di cambiare le abitudini dei cittadini incentivandoli con sconti e rimborsi.

Ecco cos’è, come funziona il cashback e cosa cambia (o meglio cosa potrebbe cambiare) con la sua introduzione.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su Evasione fiscale

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

\ \