Borsa Oggi, 2 novembre 2020: Ftse Mib in rally, Mps spicca il volo

Dopo un avvio debole, la Borsa oggi, 2 novembre 2020, ha chiuso in rally grazie alle indicazioni macro e all’avvio positivo di Wall Street. Riflettori puntati su Nexi, che potrebbe fondersi con Nets, e su MPS, grazie ai rumor relativi il possibile deal con UniCredit. Spread in aumento

Borsa Oggi, 2 novembre 2020: Ftse Mib in rally, Mps spicca il volo

Messo da parte un avvio debole, la Borsa Oggi, 2 novembre 2020, ha iniziato la settimana in deciso territorio positivo dopo le vendite della scorsa ottava e in scia delle indicazioni macroeconomiche.

In particolare, ad ottobre, l’indice che misura il sentiment dei direttori degli acquisti del manifatturiero europeo è salito più delle stime a 54,8 punti (53,8 punti per il dato italiano).

In corrispondenza dello stop alle contrattazioni in Europa, l’eurodollaro passa di mano poco mosso a 1,16358 (-0,04%) mentre il Brent, nonostante i timori di nuovi lockdown, registra un +0,6% a 38,26 dollari.

Borsa Oggi, aggiornamento ore 17:40: Ftse Mib in rally, vola Mps

In chiusura, il Ftse Mib si è fermato a 18.400,03 punti, +2,55% sul dato precedente, mentre lo spread Italia-Germania è cresciuto di quasi il 2% a 135 punti base.

In avvio di settimana Nexi si è mossa in controtendenza (-2,58%). La società ha annunciato di aver avviato con il gruppo Nets un periodo di esclusiva delle negoziazioni per raggiungere, nel giro di 10 giorni, un accordo vincolante tra le parti per un’operazione di fusione.

Sempre dal fronte integrazioni, riflettori puntati su UniCredit (+3,2%) ed MPS (+8,32%) dopo che i giornali hanno riportato che il progetto sarebbe allo studio dei due istituti.

Due velocità per FCA (+2,64%) in attesa dei dati sulle immatricolazioni e Recordati (-3,84%), a seguito del downgrade arrivato da parte degli analisti di Goldman Sachs da “buy” a “neutral”.

Piazza Affari, aggiornamento ore 13: Ftse Mib, focus su Nexi e banche

Alle 13 il Ftse Mib ed il Cac40 guadagnano l’1,8% e il Dax sale dell’1,84%.

In aumento lo spread Italia-Germania, che sale del 2,49% a 136 punti base.

Tra i bancari, UniCredit avanza del 2,19% ed MPS guadagna l’8,8% dopo che i giornali hanno riportato un progetto di integrazione tra i due istituti.

Parità per Nexi che ha annunciato di aver avviato con il gruppo Nets un periodo di esclusiva delle negoziazioni per raggiungere, nel giro di 10 giorni, un accordo vincolante tra le parti per un’operazione di fusione.

Future Wall Street: prevista apertura decisamente positiva

A due ore e mezza dell’avvio delle contrattazioni, il derivato sul Dow Jones registra un +1,69%, quello sullo S&P500 avanza dell’1,44% e il future sul Nasdaq sale dell’1,18%.

Piazza Affari, aggiornamento ore 9:25: Ftse Mib, riflettori puntati su Nexi dopo notizia fusione con Nets

A Milano il paniere principale, il Ftse Mib, nei primi scambi della seduta di oggi, 2 novembre 2020, quota 17.879,31 punti, -0,36% rispetto al dato precedente, mentre lo spread Italia-Germania sale del 3,62% a 137 punti base.

Primi scambi in positivo per il Dax (+0,51%) mentre Cac40 (+0,02%) e Ftse100 (-0,07%) quotano in sostanziale parità.

Avvio di settimana in forte territorio negativo per Nexi (-3,03%). La società ha annunciato di aver avviato con il gruppo Nets un periodo di esclusiva delle negoziazioni per raggiungere, nel giro di 10 giorni, un accordo vincolante tra le parti per un’operazione di fusione.

“L’integrazione di Nexi con il gruppo Nets si inquadrerebbe nel contesto del rapido consolidamento in atto a livello internazionale ed europeo nel settore dei pagamenti digitali, già prospettato nell’ambito dell’annunciata operazione di fusione con SIA”, riporta il comunicato della società.

L’operazione, strutturata come una fusione di Nets in Nexi, verrà realizzata interamente attraverso uno scambio azionario, con impegni di lock up di lungo periodo per gli attuali azionisti di Nets - incluso Hellman & Friedman - e non prevede ricorso ad ulteriore indebitamento.

Sempre dal fronte integrazioni, riflettori puntati su UniCredit (+0,39%) ed MPS (+0,4%) dopo che i giornali hanno riportato che il progetto sarebbe allo studio dei due istituti.

Rosso di un quarto di punto percentuale per FCA in attesa dei dati sulle immatricolazioni e -2,16% per Recordati dopo il downgrade arrivato da parte degli analisti di Goldman Sachs da “buy” a “neutral”.

Borse asiatiche: prima seduta della settimana in positivo

L’indice di Hong Kong, l’Hang Seng segna un +1,35%, il China A50 ha terminato con un +0,3% ed il Nikkei ha chiuso con un +1,39%.

Incremento dello 0,4 per cento per l’australiano S&P/ASX 200.

Wall Street: la settimana si è chiusa con il segno meno

In scia delle tensioni in arrivo dall’Europa, il Dow Jones ha terminato con un -0,59%, lo S&P500 ha chiuso con un -1,21% ed il Nasdaq ha segnato un -2,45%.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories
SONDAGGIO

1617 voti

VOTA ORA