Bonus fiscali 2020, stretta sui rimborsi 730 per chi ha debiti. Le novità del DL Fisco

Tra le novità contenute nel Decreto Fiscale c’è la stretta ai rimborsi 730 per chi ha debiti con lo Stato. Nuove regole in arrivo anche per le compensazioni Irpef, Ires e Irap.

Bonus fiscali 2020, stretta sui rimborsi 730 per chi ha debiti. Le novità del DL Fisco

Tra le novità previste nella bozza del Decreto Legge fiscale vi è una vera e propria stretta sui rimborsi 730 per chi ha debiti con lo Stato.

Sono gli ultimi giorni di studio e lavoro prima di inviare il DL Fisco e la Legge di Bilancio a Bruxelles, entro il 15 ottobre.

Tra le novità che il DL Fisco si prepara ad apportare ai bonus fiscali 2020 ci sono misure che riguardano sia le persone fisiche che le imprese.

Da un lato, infatti, sono previste delle modifiche ai rimborsi che scaturiscono dalle dichiarazioni dei redditi “730” e “Redditi”, le quali si inseriscono perfettamente nel piano antievasione a cui il Governo Conte sta lavorando.

È prevista anche una stretta sulle compensazioni dei crediti per le imprese: per le compensazioni IRES, IRPEF e IRAP di importo superiore a 5.000 euro, sarà necessaria l’apposizione del visto di conformità del professionista, così come previsto già oggi per l’IVA.

Bonus fiscali 2020, stretta sui rimborsi 730 per chi ha debiti. Le novità del DL Fisco

Tra le novità del DL Fisco c’è una misura che si inserisce perfettamente nel piano di lotta all’evasione fiscale che il Governo Conte ha come priorità.

La misura riguarderebbe sia le persone fisiche che le imprese, instaurando un doppio meccanismo di stretta sulle compensazioni indebite.

In primis, è in corso di progettazione una piattaforma su cui l’INPS sta già lavorando per certificare la validità dei crediti contributivi e la fondatezza della compensazione.

L’obiettivo è quindi quello di consentire all’Agenzia delle Entrate di puntare sia ai crediti delle imposte dirette come IRPEF e IRES, sia ai rimborsi chiesti dai cittadini e dai pensionati con i modelli 730 e “Redditi”.

Per quanto riguarda le persone fisiche, l’ipotesi riguarda le precompilate del modello 730 e del modello Redditi.

Secondo quanto previsto dalla bozza del Decreto Fiscale 2020, l’Agenzia delle Entrate potrebbe decurtare dall’importo dei rimborsi spettanti al contribuente le somme di cui lo stesso risulta debitore.

Ovvero: se il cittadino ha diritto a un rimborso di 1.000 euro per detrazioni di spese mediche o per lavori di ristrutturazione, ma risulta in debito di 400 euro, l’importo che gli sarà erogato sarà ridotto a 600 euro.

Lo Stato dunque compenserebbe subito, con un duplice vantaggio: per lo Stato stesso, che riduce in tempi di attesa di recupero delle somme dovute, e per il cittadino, il cui debito non aumenterebbe a causa degli interessi.

Decreto Fiscale 2020, stretta sulle compensazioni dei crediti IRES, IRPEF E IRAP

L’altra misura che fa parte della bozza del Decreto Fiscale punta a recuperare i crediti delle imposte dirette estendendo le regole per l’IVA a tutte le compensazioni.

Questo significa che per recuperare in compensazione un credito IRES, IRPEF o IRAP superiore a 5.000 euro il contribuente dovrà:

Come sottolineato dal Sole24Ore, ciò vorrebbe dire che imprese e professionisti per compensare i crediti delle imposte dirette dovranno aspettare almeno fino a dicembre, vista la scadenza per l’invio del modello Redditi spostata al 30 novembre.

Oltre alla doppia stretta sulle compensazioni, fa parte del DL Fisco, come ha anticipato l’Ansa, anche la fusione di IMU e TASI in un’unica tassa sulla casa, con la concessione alle amministrazioni locali di maggiore potere per la riscossione dei tributi.

Presente tra le misure antievasione sia la stretta alla filiera di distribuzione dei carburanti, che dovrebbe portare al recupero di imposta evasa tra 500 milioni e 1,1 miliardi di euro.

Nuove disposizioni presenti anche in materia di gioco d’azzardo, tra cui la proposta di avere agenti sotto copertura per contrastare sia il gioco illegale che per prevenire il gioco minorile.

Iscriviti alla newsletter Fisco e Tasse per ricevere le news su Legge di Bilancio 2020

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.