Vaccino Covid, terza dose per over 80 e sanitari: quando si farà il richiamo?

Mario D’Angelo

05/05/2021

05/05/2021 - 00:03

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Quando verrà il momento di somministrare la terza dose alle categorie più a rischio?

Vaccino Covid, terza dose per over 80 e sanitari: quando si farà il richiamo?

Quando inizieranno le somministrazioni di terza dose del vaccino anti-Covid? La campagna vaccinale in Italia ha ormai ingranato la marcia veloce, raggiungendo la quota di mezzo milione di vaccinazioni al giorno. Ben presto, però, le dosi disponibili non dovranno più essere impiegate soltanto per la prima vaccinazione o per il primo richiamo, ma anche per il secondo boost per quelle categorie che per prime hanno ricevuto il vaccino: anziani, persone fragili e operatori sanitari.

A quel punto la campagna vaccinale, se non ci saranno abbastanza dosi, potrebbe rallentare. In che periodo del 2021 arriverà il momento di iniettare le terze dosi di vaccino anti-coronavirus?

Covid, quando verranno somministrate le terze dosi?

Tra settembre e ottobre - questo è l’obiettivo del Governo e dell’Europa, si dovrebbe raggiungere la soglia del 70% della popolazione vaccinata - la tanto agognata immunità di gregge.

Secondo il Sole 24 Ore, di lì a poco verrà il momento di iniziare il nuovo ciclo. A novembre, infatti, dovrebbero partire i richiami con terza dose per coloro che si sono immunizzati 11 mesi prima.

Nei primi quattro mesi del 2021, sono 6 milioni le cittadine e i cittadini italiani che hanno ricevuto già due dosi di vaccino. Si tratta di 2 milioni di operatori sanitari e 4 milioni di ultraottantenni e persone in condizione di salute fragile.

Quanto dura la protezione della seconda dose?

L’ipotesi di novembre è convincente perché in linea con la previsione del CEO di BioNTech, che ha sviluppato il vaccino a mRNA insiema a Pfizer, secondo il quale la terza dose bisogna riceverla a nove mesi dal richiamo.

Nel tempo la protezione del vaccino contro il virus diminuisce, con il calo degli anticorpi dunque sarà necessaria una terza vaccinazione. Secondo le mie stime dopo 9 mesi dalla seconda somministrazione, al massimo dopo 12 mesi”, ha detto il fondatore dell’azienda, Ugur Sahin.

Chi ha ricevuto la seconda dose Pfizer a febbraio, dunque, potrà ricevere la terza a partire da novembre e non oltre il febbraio dell’anno successivo.

A novembre sarà chiaro che la campagna vaccinale in Italia - come nel resto di quel mondo che può contare sulle forniture di vaccino - sarà continua. Ma le dosi basteranno?

È proprio in vista della maggiore esigenza di vaccini che il Regno Unito ha già siglato un accordo con Pfizer per 60 milioni di dosi extra. Più lentamente si è mossa anche Bruxelles, che ha avviato un negoziato con Pfizer e Moderna per 1,8 miliardi di dosi di vaccino anti-Covid.

Argomenti

Iscriviti alla newsletter