Trimestrali JP Morgan e Citigroup oltre le attese, ma i titoli non esultano

icon calendar icon person
Trimestrali JP Morgan e Citigroup oltre le attese, ma i titoli non esultano

La trimestrale di Citigroup e quella di JP Morgan in focus: i dati economici che stanno facendo viaggiare in rosso già nel pre-mercato.

La trimestrale di JP Morgan e quella di Citigroup non hanno incontrato il parere favorevole degli investitori di Wall Street, nonostante gli ottimi dati riportati.

Già nel pre-mercato le azioni societarie di entrambi gli istituti hanno iniziato a viaggiare in ribasso sfiorando nel primo caso lo 0,10% e nel secondo un più accentuato 0,16% di perdita.

Sia la trimestrale di JP Morgan che quella di Citigroup sono state rese note a circa due ore dall’avvio degli scambi su Wall Street, ma in entrambi i casi la reazione del mercato non è stata positiva.
Di seguito i dati, riferiti al terzo trimestre 2017, che hanno spinto gli investitori ad allontanarsi da entrambe le quotate.

La trimestrale JP Morgan

Il terzo trimestre dell’anno si è chiuso in utile per JP Morgan: il dato a 6,73 miliardi di dollari segna un aumento dell’11% rispetto ai 6,29 miliardi di dollari registrati nel pari periodo del 2016.

A determinare il balzo dell’utile netto sicuramente il miglioramento osservato nel settore prestiti. In virtù di questa accelerazione, l’utile per azione (EPS) di JP Morgan è così balzato da 1,58 a 1,76 dollari.

Ad aumentare, fa sapere la trimestrale JP Morgan, sono stati anche i ricavi (+3%), passati da quota 25,51 a quota 26,2 miliardi di dollari. A fine settembre il Common equity Tier 1 è stato pari al 12,5%.

La trimestrale societaria ha rivisto al rialzo le attese del mercato. Gli analisti avevano previsto un utile per azione a 1,65 dollari e ricavi a 25,23 miliardi.

La trimestrale Citigroup

Non meno entusiasmanti i dati emersi dalla trimestrale di Citigroup che ha lasciato osservare un balzo dell’utile netto dai 3,8 miliardi del 2016 ai 4,1 miliardi del 2017. Di conseguenza l’utile per azione è salito da quota $1,24 a quota $1,42.

A crescere, anche in questo caso, sono stati i ricavi che, su base annua, sono avanzati da 17,8 a 18,2 miliardi di dollari.

Se i risultati di JP Morgan hanno battuto le attese, quelli di Citigroup non sono stati da meno: in questo secondo caso gli analisti avevano previsto un EPS a 1,32 dollari e ricavi a 17,9 miliardi.

Segui Money.it su Facebook

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su JP Morgan Chase

Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del Dlgs 196/03.

Chiudi [X]