Sondaggi politici: crescono Salvini, M5S e Calenda, male PD e Berlusconi

L’ultimo sondaggio politico di Swg indica in crescita i partiti con posizioni più forti sul tema immigrazione come Lega, Fratelli d’Italia ma anche Movimento 5 Stelle, mentre vengono dati in calo il PD, La Sinistra e Forza Italia.

Sondaggi politici: crescono Salvini, M5S e Calenda, male PD e Berlusconi

Se una settimana fa si parlava di effetto Recovery Fund, guardando l’ultimo sondaggio politico realizzato da Swg e diramato in data 3 agosto dal Tg La7, si potrebbe pensare che invece adesso è il tema dell’immigrazione a incidere in quelle che sarebbero le intenzioni di voto in caso di elezioni.

Tra i principali partiti, vengono dati in calo infatti quelle forze politiche considerate più “buoniste” in merito alla delicata questione dei migranti come il PD e La Sinistra, mentre sarebbe con il segno positivo il Movimento 5 Stelle che invece con Luigi Di Maio ha invocato una linea dura.

Tra le fila dell’opposizione poi tornerebbero a crescere sia la Lega che Fratelli d’Italia, con Matteo Salvini e Giorgia Meloni che negli ultimi giorni specie sui social hanno messo in campo una campagna martellante sul tema immigrazione.

Stando al sondaggio il centrodestra nel suo complesso, considerando anche Cambiamo di Giovanni Toti, sarebbe al 47,9% e, se così stessero le cose, vincente a prescindere da quella che sarà la legge elettorale alle prossime elezioni.

Sondaggi politici: ok Salvini e M5S

Se una volta i discorsi agostani da ombrellone riguardavano principalmente le trattative e gli affari di calciomercato, negli ultimi anni invece è la questione immigrazione che torna puntualmente in auge quando con la bella stagione riprendono a essere più frequenti gli sbarchi.

Guardando l’ultimo sondaggio politico di Swg, dal caos degli ultimi giorni tra migranti trovati positivi al Covid e altri fuggiti dai centri in cui sono stati dislocati, si sarebbero avvantaggiati maggiormente quei partiti più critici sul tema immigrazione.

La Lega così tornerebbe a crescere dopo un periodo di flessione, con Matteo Salvini che così almeno per qualche giorno può mettere a tacere quelle voci di un centrodestra che non sarebbe più tanto convinto di affidare a lui la leadership della coalizione.

Bene anche Fratelli d’Italia al contrario di Forza Italia: se Giorgia Meloni da mesi è in costante ascesa nei sondaggi, Silvio Berlusconi tra alti e bassi starebbe ormai allontanandosi sempre più dalla doppia cifra.

Segno positivo pure per il Movimento 5 Stelle che, a differenza del Partito Democratico e La Sinistra attestati entrambi in calo, tra le forze di governo ha una posizione più dura sui migranti rispetto agli alleati di governo.

Tra i partiti in bilico sulla soglia di sbarramento, al momento indicata al 3% ma che presto con il Germanicum potrebbe essere innalzata al 5% creando non pochi problemi a queste forze politiche, quello che sembrerebbe soffrire di più in questo periodo è +Europa.

Da alcune settimane Azione e Italia Viva starebbero rosicchiando sempre più consensi a Emma Bonino, che alle regionali sarà alleata di Matteo Renzi e Carlo Calenda in Puglia, Veneto e Liguria.

A questo punto l’obiettivo di Renzi e Calenda nel breve potrebbe essere quello di vampirizzare Forza Italia, attirando verso i propri lidi l’elettorato azzurro più moderato, ma se Azione e IV continueranno a camminare divisi il rischio è che entrambe queste forze politiche possano poi risultare poco incisive alle urne.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories