Sciopero Ryanair 25 e 26 luglio: voli a rischio in tutta Italia

Lo sciopero Ryanair del 25 e 26 luglio coinvolge 400 voli in Italia e ben 4 nazioni europee: in particolare i voli italiani saranno a rischio per la giornata del 25 mentre negli altri paesi la protesta durerà per due giorni.

Sciopero Ryanair 25 e 26 luglio: voli a rischio in tutta Italia

Previsto uno sciopero Ryanair per il 25 e 26 luglio: ad avanzare la protesta in particolare è il personale di cabina che chiede alla compagnia aerea di rispettare maggiormente i diritti dei lavoratori.

Lo sciopero non si limita solo all’Italia ma si estende anche ad altre nazioni in cui la compagnia opera: Spagna, Belgio e Portogallo.

L’annuncio della protesta è stato fatto il 5 luglio scorso quando il personale Ryanair ha deciso di chiedere all’azienda oltre che maggiori tutele anche il riconoscimento dei rappresentanti eletti di ciascuna organizzazione al fine di confrontarsi sulla redazione di un accordo collettivo.

Orari

Lo sciopero del 25 e 26 luglio è stato indetto dalle sigle sindacali FILT-CGIL/UILT-UIL. Moltissimi i voli Ryanair a rischio a causa dello sciopero: si prevede che potrebbero essere almeno 400 solo in Italia.

Il blocco ha una durata di 24 ore in Italia e di 48 negli altri Paesi interessati dallo sciopero. In particolare nella penisola la protesta interessa la seguente fascia oraria: dalle 0:00 alle 23:59 del 25 luglio. In Spagna, Portogallo e Olanda prosegue invece anche nella giornata del 26 luglio.

Per avere un quadro completo di tutti gli scioperi di luglio rinviamo alla lettura del nostro articolo.

Le motivazioni

Lo sciopero parte dalla volontà del personale di cabina della compagnia di vedersi riconosciuti alcuni diritti fondamentali che al momento sarebbero loro preclusi. Le motivazioni principali che sono alla base dello sciopero sono le seguenti:

  • la richiesta di migliori condizioni di lavoro;
  • il rispetto dei diritti per gli assunti di ciascuno Stato in cui opera la compagnia aerea;
  • l’avvio di un tavolo per la negoziazione di un accordo collettivo.

Ryanair si affretta a prendere le distanze dalle critiche che gli sono state mosse e chiarisce che le condizioni di lavoro dei dipendenti sono già tra le migliori del settore.

Voli a rischio

L’agitazione coincide con il periodo estivo e si colloca quindi in una zona calda dell’anno per il turismo e i trasporti: la situazione potrebbe andare in tilt sia per il numero di passeggeri coinvolti sia per i ricavi che l’azienda perderà in una giornata del genere.

Il numero di voli a rischio ammonta a 400 per i voli in partenza dal nostro Paese per un totale di oltre 76.000 posti. In questo modo sono migliaia le persone che rischiano di trovarsi davanti una spiacevole sorpresa e vedere le proprie vacanze rovinate o per lo meno ritardate.

Ma non è finita qui: oltre ai voli in partenza dall’Italia ci sono anche quelli messi a disposizione dai velivoli che hanno la loro base negli altri Paesi scioperanti e che dovrebbero atterrare in Italia.

Iscriviti alla newsletter "Lavoro" per ricevere le news su Sciopero

Argomenti:

Sciopero Ryanair

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.