Saipem: al via aumento di capitale da 3,5€ miliardi

L’assemblea straordinaria degli azionisti di Saipem ha dato via libera, con larga maggioranza, all’aumento di capitale da 3,5€ miliardi. Titolo in flessione a Piazza Affari.

L’assemblea straordinaria degli azionisti di Saipem ha dato via libera per l’attuazione dell’aumento di capitale da 3,5€ miliardi. In questo modo, il braccio operativo di Eni potrà riequilibrare la situazione debitoria della società, per buona parte in esposizione proprio verso Eni.

Saipem: ok da assemblea ad aumento di capitale con 61,4% di voti favorevoli

Nella giornata di ieri l’assemblea straordinaria degli azionisti Saipem ha dato l’ok per l’aumento di capitale previsto da 3,5€ miliardi.

Il via libera è stato votato con una larga maggioranza di voti pari al 61,4% di voti favorevoli sul 61,5% del capitale rappresentato.

Tale aumento consisterà nell’emissione di nuove azioni da conferire agli azionisti, fissando la data del 31 Marzo 2016 come termine ultimo per l’esecuzione dell’operazione.

Il Consiglio di Amministrazione di Saipem ha ricevuto pieni poteri da parte dell’assemblea straordinaria per decidere tempistiche e dettagli dell’aumento di capitale.

Il 27 Ottobre Eni, azionista di maggioranza di Saipem, si è impegnata a sottoscrivere in maniera irrevocabile l’aumento di capitale deliberato ieri per un importo pari alla quota di capitale detenuta all’interno di Saipem che ammonta al 42,9%.

Lo stesso giorno Eni ha ceduto il 12,5% della quota di partecipazione detenuta in Saipem al Fondo Strategico Italiano il quale si è impegnato a sottoscrivere tutti i diritti di opzione delle azioni oggetto di cessione.

Anche il fondo USA Dodge & Cox, detentore del 12,22% del capitale di Saipem, parteciperà integralmente all’aumento di capitale.

Eni, per fare in modo che vengano sottoscritte tutte le azioni di nuova emissione generate dall’aumento di capitale, ha recentemente sottoscritto un accordo con un consorzio bancario che si è impegnato a sottoscrivere tutte le azioni dell’aumento di capitale che risulteranno invendute.

Saipem: aumento di capitale finanzierà debito lordo

L’operazione di aumento del capitale servirà alla società petrolifera italiana a riequilibrare la posizione finanziaria netta, fortemente appesantita dall’alta esposizione debitoria.

L’aumento di capitale servirà a ridurre il debito lordo di Saipem (per il 93% contratto con Eni), liberando risorse utili al perseguimento degli obiettivi della società.

Oltre alla ricapitalizzazione, Saipem ha sottoscritto un accordo con un consorzio bancario per un finanziamento di 4,7€ miliardi che si aggiungerà alla liquidità generata dall’aumento di capitale.

Al momento, il titolo Saipem registra una contrazione del -0,19%.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.