Mercati all’insegna della volatilità, tra Covid e attesa per le banche centrali

Violetta Silvestri

02/12/2021

02/12/2021 - 08:32

condividi

Mercati misti oggi, in attesa di novità sulla variante Omicron e delle prossime riunioni delle banche centrali. Inflazione, tassi di interesse, ritmo della ripresa e mosse cinesi sempre in focus.

Mercati all'insegna della volatilità, tra Covid e attesa per le banche centrali

Mercati oggi: le azioni asiatiche sono contrastanti e i futures azionari statunitensi scambiano in rialzo, scrollandosi di dosso una debole chiusura di Wall Street tra i dubbi non sciolti su quanta minaccia rappresenti davvero il ceppo Omicron.

Mentre negli USA è stato intercettato il primo caso contagiato dalla variante, dalla banca centrale del Giappone è arrivata l’allerta sulla ripresa economica: sarà deludente se Omicron e, in generale la pandemia, costringerà a nuove restrizioni severe.

Sullo sfondo delle preoccupazioni legate al Covid restano i nodi tutti da sciogliere: inflazione in aumento e, forse, non più transitoria; decisioni delle banche centrali con la Fed a ribadire il tapering; mosse cinesi sul controllo delle big tech.

Vediamo cosa succede oggi nei mercati.

Mercati: l’Asia oscilla tra vecchi e nuovi timori

Alle ore 8.15 circa, il Nikkei perde lo 0,65% e gli indici cinesi Shenzhen e Shanghai vanno in rosso, rispettivamente con -0,19% e -0,09%. Hong Kong guadagna lo 0,39% e il Kospi l’1,57%.

Le società immobiliari cinesi di Hong Kong e dei mercati continentali hanno scambiato al rialzo grazie alla notizia che tre sviluppatori della Cina stanno cercando di raccogliere 18 miliardi di yuan (2,83 miliardi di dollari) vendendo obbligazioni onshore, segno che Pechino sta allentando leggermente le tensioni di liquidità sul settore in crisi.

Intanto, Pechino avrebbe un piano per colmare una scappatoia utilizzata dalle aziende tecnologiche per quotarsi all’estero. Questo dimostra quanto siano ancora attuali i temi della crisi immobiliare e del controllo cinese sulle big tech, in grado anch’essi di muovere l’azionario.

Sul fronte Covid, l’OMS ha affermato che i vaccini probabilmente proteggeranno dai casi gravi, ma restano le incertezze.

Kyle Rodda, un analista ai mercati IG, ha così sintetizzato il momento: “Tutto ciò che chiunque può fare al momento è aspettare, poiché ci sono una serie di domande in sospeso sulla nuova variante che rimangono in gran parte senza risposta e rimarranno tali per giorni o settimane”

Si accendono i riflettori su OPEC e Fed

Giornata importante anche per il petrolio, che al momento scambia in rialzo di oltre l’1% nelle due quotazioni WTI e Brent.

L’OPEC si riunisce in un vertice cruciale: dopo la sfida USA del rilascio delle riserve e la diffusione della variante Omicron, potrebbero esserci sorprese sul piano concordato di rilascio di 400.000 barili al giorno.

Ad attirare l’attenzione degli investitori è stato anche il secondo giorno di testimonianza di Powell al Congresso, in cui ha affermato che la Fed deve essere pronta a rispondere alla possibilità che l’inflazione non possa retrocedere nella seconda metà del prossimo anno.

L’indice del dollaro rimane sui 96 punti e il rendimento del T bond USA a 10 anni aumenta dall’1,429% di inizio sessione asiatica all’1,443%.

Sostieni Money.it

Informiamo ogni giorno centinaia di migliaia di persone in forma gratuita e finanziando il nostro lavoro solo con le entrate pubblicitarie, senza il sostegno di contributi pubblici.

Il nostro obiettivo è poterti offrire sempre più contenuti, sempre migliori, con un approccio libero e imparziale.

Dipendere dai nostri lettori più di quanto dipendiamo dagli inserzionisti è la migliore garanzia della nostra autonomia, presente e futura.

Sostienici ora

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.