Chi è il medico di Maradona indagato per omicidio colposo

Martino Grassi

30 Novembre 2020 - 14:17

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Chi è il medico di Maradona indagato per omicidio colposo? Biografia e carriera di Leopoldo Luque, il dottore dei vip argentini.

Chi è il medico di Maradona indagato per omicidio colposo

Chi è il medico di Maradona accusato di omicidio colposo? Si infittisce la trama legata alla morte del Pibe e, sebbene sia stato confermato il decesso per cause naturali, sembra spuntare una possibile responsabilità di Leopoldo Luque, il suo medico personale.

La magistratura argentina ha disposto la perquisizione dell’ufficio e dell’abitazione del medico, personalità di spicco nel il jet set del Paese, che ha ottenuto la sua popolarità anche grazie alla vicinanza con il Pibe, per verificare eventuali irregolarità nel ricovero.

Chi è il medico di Maradona: biografia e carriera

Appena trentanovenne Leopoldo Luque è già il medico di moltissime star in Argentina. Nasce nel 1981 a Lanús, una città vicino ad Adrogué, da una famiglia umile, con 7 fratelli e sorelle. Completa il suo percorso accademico con una laurea in neurochirurgia presso l’università di Buenos Aires, specializzandosi in chirurgia del cervello e della colonna vertebrale. Attualmente è anche membro dell’Associazione Argentina di Neurochirurgia e della North American Spine Society.

Attualmente lavora come neurochirurgo in diversi importanti centri di Buenos Aires e presso l’ospedale ad alta complessità Del Cruce di Florencio Varela, è sposato con un altro neurochirurgo, da cui ha avuto due figli: Luna e Tomás.

Dal 2016 diventa il medico personale di Maradona, permettendogli di acquisire una grande notorietà come professionista, e permettendogli di crescere anche a livello mediatico entrando a far parte del jet set argentino. Da allora si sono succedute comparsate e ospitate in TV, conferenze stampa e articoli su giornali e riviste. Grazie alla vicinanza con Maradona ha dato il via anche ad un programma per perdere peso, chiamato proprio Maradona Fitness, con cui il Pibe avrebbe perso fino ad 11 chili.

Lo scorso ottobre fu proprio Leopoldo Luque ad operare Maradona all’edema celebrale, dichiarando ai media il buon esito dell’intervento: “Diego è già sveglio e lucido, ha reagito benissimo”. Non era della stessa opinione il dottor Alfredo Cahe, ex medico del Pibe, che criticò duramente la decisione di dimetterlo così velocemente dalla clinica: “Una follia, doveva restare ricoverato”.

Le accuse di omicidio colposo

A soli 4 giorni dalla morte di Maradona appaiono dei nuovi sviluppi sulla morte del campione. Sembrerebbe infatti che Leopoldo Luque possa essere in parte responsabile della morte del Pibe. Proprio per questo motivo la magistratura argentina ha disposto la perquisizione dell’ufficio e dell’abitazione del medico in seguito a presente irregolarità nel ricovero domiciliare.

Ad aumentare i sospetti ne confronti del medico personale di Maradona una brutta lite tra i due avvenuta qualche giorno prima, adesso la magistratura argentina verificherà se effettivamente Maradona abbia ricevuto tutte le cure di cui necessitava durante i suoi ultimi giorni, ma soprattutto se sono state commesse delle irregolarità ad opera di Luque.

Nonostante vi sia la conferma che Maradona sia morto per cause naturali al momento sono in corso anche delle indagini relative ai ritardi dei soccorsi, che forse avrebbero potuto salvare la vita al campione.

Argomenti

# Calcio

Iscriviti alla newsletter

Money Stories