Borsa Italiana: le IPO del 2017. Da Ferrovie a Furla, da Poste a Eataly

icon calendar icon person
Borsa Italiana: le IPO del 2017. Da Ferrovie a Furla, da Poste a Eataly

IPO su Borsa Italiana nel 2017: saranno circa 30 le quotazioni in borsa quest’anno. Ecco i nomi delle società interessate da Ferrovie a Furla, da Poste a Eataly.

Le IPO del 2017 in programma alla Borsa Italiana - Nonostante il contesto di mercato incerto, saranno numerose le IPO in programma nel 2017 su Borsa Italiana. Molte società importanti nel contesto economico italiano puntano alla quotazione in borsa nell’anno appena iniziato.

La Borsa Italiana punta addirittura ad oltre 30 IPO nel solo periodo del 2017 e tra i grandi nomi spuntano Ferrovie dello Stato, all’interno del suo processo di privatizzazione, Eataly e Avio, passando per Furla e Unieuro ma non solo.

Dopo le operazioni di ingresso in Borsa che hanno caratterizzato la Borsa Italiana nel 2016, con l’IPO di Ferrari, l’IPO di Technogym, Enav e Italgas, ora è il turno di altri gruppi italiani strategici a quotarsi in borsa nel corso del 2017 - anche se l’incertezza generata dal contesto politico europeo instabile potrà pesare sulla performance del listino italiano secondo molti analisti.

Ma quali sono, nel dettaglio, le società che puntano all’IPO su Borsa Italia nel 2017?

IPO 2017 su Borsa Italiana: i nomi

Il sentiment nei confronti delle IPO nel 2017, nonostante il contesto di mercato, sembra essere positivo - anche se alcune società potrebbero scegliere di attendere ancora in vista di un periodo più “sicuro”.

Secondo l’ad di Borsa Italiana Raffaele Jerusalmi saranno circa 30 le società che daranno il via ad un’IPO nel 2017.
Vediamo insieme quali sono le operazioni più chiacchierate.

Guida: Come funziona l’offerta pubblica iniziale (IPO) in Borsa?

IPO Ferrovie dello Stato 2017
Tra tutte le IPO in programma a Piazza Affari quest’anno, certamente la più importante è la quotazione in Borsa del segmento alta velocità delle Ferrovie dello Stato (Frecce e Intercity). L’operazione prevede un minimo del 30% della società quotata in Borsa e la scadenza è il 1° settembre 2017, anche se l’obiettivo principale è quello di dare il via all’IPO di Ferrovie prima dell’inizio di questa estate.

IPO Eataly 2017
Il 2017 sarà anche l’anno dell’IPO di Eataly, società specializzata nell’agroalimentare italiano nata dall’idea di Oscar Farinetti, anche se il suo ingrasso in borsa potrebbe essere ritardato ad inizio 2018.
Non sono ancora disponibili ulteriori dettagli circa la quotazione su Borsa Italiana della società di alimenti Made in Italy più famosa al mondo.

IPO Avio 2017
Sono già noti alcuni dettagli dell’IPO di Avio, che avverrà entro il mese di marzo 2017 nel segmento Star di Borsa Italiana. La società opera nel settore della tecnologia di trasporto nello spazio.

IPO Unieuro 2017
Anche Uniero potrebbe essere protagonista delle IPO su Borsa Italiana nel 2017. La società, specializzata nella vendita al dettaglio di prodotti di elettronica e elettrodomestici, quoterà parte della sua capitalizzazione totale a Piazza Affari ma non sono ancora note le tempistiche, né tantomeno la conferma ufficiale.

IPO Poste Italiane: in arrivo la seconda tranche
Il 2017 ospiterà, tra la altre, anche la seconda tranche di IPO che vedrà il collocamento di un’altra porzione della società di Poste Italiane.

IPO Telesia 2017
Telesia ha già le idee chiave sulla sua IPO nel 2017: l’azienda, specializzata nei sistemi di videoinformazione e di proprietà al 100% di Class Editori, ha già provveduto alla presentazione della domanda per la quotazione al segmento Aim di Borsa Italiana.

IPO Furla 2017
Anche il comparto lusso potrebbe dare il benvenuto ad una nuova società con l’IPO di Furla, azienda specializzata in pelletteria d’alta qualità. L’ingresso in borsa potrebbe avvenire nel 2017 come nel 2018, ma Furla si è già preparata alla quotazione facendo entrare tra gli azionisti la Tamburi Investment Partners (Tip) per guidare al meglio la quotazione - la famiglia Furlanetto mantiene comunque la quota di maggioranza. Tuttavia, l’azienda non sembra avere alcuna fretta nel dare il via alla sua IPO nel corso del 2017.

IPO 2017 Borsa Italiana: occhio al comparto lusso

Furla non è l’unica società italiana del lusso che potrebbe fare il suo ingresso nella Borsa Italiana a breve.
Al momento il segmento Fashion&Design quotato a Piazza Affari ospita 25 società ed ha una capitalizzazione totale di oltre €51 miliardi.
A rispettare i requisiti per una IPO spicca su tutte Giorgio Armani, seguita da Valentino, Ermenegildo Zegna, Gianni Versace e Dolce&Gabbana secondo un report pubblicato da Pambianco.
Tuttavia, alcune di queste società non posseggono una mentalità adeguata alla quotazione in borsa, che spesso fa paura.

IPO 2017: le società che hanno detto No

La società Sia, leader in Italia nella gestione dei pagamenti elettronici, ha specificato per bocca del suo amministratore delegato che «l’Ipo è un’opportunità e si fa quando serve», alludendo alla possibilità che non possa avvenire nel 2017.
Abbandona il processo di collocamento anche Idea Real Estate.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su IPO

Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del Dlgs 196/03.

Chiudi [X]