Bonus libri 2021/2022: nuovi sconti per gli studenti previsti dalle regioni

Simone Micocci

18 Agosto 2021 - 10:41

condividi

Buoni per l’acquisto dei libri di testo per l’anno scolastico 2021/2022: Isee e importi, ecco cosa hanno previsto le singole regioni per favorire il diritto allo studio.

Bonus libri 2021/2022: nuovi sconti per gli studenti previsti dalle regioni

L’inizio dell’anno scolastico si avvicina e dopo l’ufficializzazione dei vari calendari ecco che le regioni hanno cominciato a emanare i bandi per i cosiddetti bonus libri, ossia quei contributi per la fornitura gratuita, totale o parziale, dei libri di testo per l’anno scolastico 2021-2022.

Ricordiamo che non esiste un solo bonus libri valido su tutto il territorio nazionale e per tutti gli studenti d’Italia: si tratta, infatti, d’iniziative regionali, e in alcuni casi comunali, che tuttavia seguono gli stessi principi in tutte le regioni.

Nella generalità dei casi, infatti, hanno diritto allo sconto - o comunque alla fornitura gratuita - sui libri le famiglie con una situazione economica non particolarmente agiata, la quale va certificata con un Isee in corso di validità. Per scendere nel dettaglio su come funziona il bonus libri per l’a.s. 2021-2022, però, dobbiamo guardare a cosa hanno previsto le singole regioni.

Regione Lazio: bonus libri 2021

La giunta Zingaretti è stata una delle prime a pubblicare le linee guida regionali per il bonus libri spettante agli studenti che frequentano istituti di istruzione secondaria di I e II grado, statali e paritari, per l’a.s. 2021-2022, demandando però ai singoli Comuni il riconoscimento dello stesso. Questi dovranno però attenersi alle indicazioni che arrivano dalla regione, la quale ha riservato il bonus libro a coloro che hanno un limite Isee non superiore a 15.493,71€.

La domanda va presentata al Comune di riferimento secondo le tempistiche da questo indicate: ad esempio, a Roma la richiesta può già essere inoltrata, mentre il termine ultimo è fissato al 2 novembre.

Regione Emilia Romagna: bonus libri 2021

Non è possibile ancora presentare domanda, invece, in Emilia Romagna dove il termine va dal 6 settembre al 26 ottobre. C’è un unico portale per la richiesta del beneficio, al quale potete accedere cliccando qui.

In Emilia Romagna vengono previste due diverse fasce di reddito: da 0 a 10.632,94€ la prima, mentre la seconda è fino a 15.748,78€. Come si legge nelle linee guida, però, avranno certezza di essere soddisfatte integralmente solamente le domande rientranti nella prima fascia e solo in un secondo momento, anche in base alle richieste presentate, si valuterà di ampliare la platea dei destinatari introducendo la seconda fascia.

Regione Veneto: bonus libri 2021

Confermati anche i criteri per l’erogazione del bonus libri per chi si trova in Regione Veneto. Nel dettaglio, il buono spetta ai nuclei familiari aventi un Isee non superiore a 10.632,94€, tuttavia nel caso in cui dovessero avanzare risorse questo potrebbe essere esteso anche alle famiglie sotto la soglia dei 18.000,00€.

L’importo del buono verrà determinato in un secondo momento: sappiamo però che fino a 10.632,94€ di Isee spetta un massimo di 200,00€, mentre sopra questa soglia, ma sotto i 18.000,00€, il contributo scende a 150,00€.

Per la domanda c’è tempo dal 16 settembre al 21 ottobre.

Regione Campania: bonus libri 2021

Anche la Regione Campania ha previsto due diverse fasce Isee per l’erogazione dei bonus libri, per il quale la domanda va inoltrata al Comune di riferimento. Nel dettaglio: la prima fascia - che avrà la precedenza nell’erogazione dei buoni - è sotto un Isee da 10.633,00€, mentre la seconda è sotto i 13.300,00€. I termini per la domanda variano a seconda del Comune di riferimento: il termine ultimo di erogazione è stato però fissato dalla Regione Campania per il 15 ottobre 2021.

Bandi scaduti o non ancora pubblicati

Ci sono poi delle Regioni che hanno già dato avvio alle domande per il riconoscimento dei buoni libri, ma dove tuttavia il termine è già scaduto: è il caso ad esempio della Lombardia (scadenza il 15 giugno scorso), della Puglia (20 luglio), della Toscana (giugno) o della Regione Piemonte dove viene previsto un voucher che può essere utilizzato non solo per i libri di testo ma anche per materiale didattico e dotazioni tecnologiche funzionali all’istruzione. Per fare domanda era necessario non superare un Isee di 26.000,00€, ma le graduatorie sono già state approvate.

Ce ne sono poi altre come Liguria, Marche, Umbria, Basilicata, Molise, Abruzzo, Sardegna e Sicilia che non hanno ancora reso noti i termini per il contributo, e altre ancora, come il Friuli Venezia Giulia, che hanno demandato direttamente ai singoli Comuni.

Iscriviti a Money.it