Analisi tecnica e Grafico: USD/CHF (Dollaro USA/Franco Svizzero)

Pubblicato il 8 ottobre 2018

Analisi tecnica e grafico USD/CHF (Dollaro USA/Franco Svizzero)
Valori
Ultimo prezzo 0,9914
Variazione 0,06%
Max (52 settimane) 1,0068
Min (52 settimane) 0,92
Indicatori
MM200 0,97
RSI 14 65,68
MACD 0,001
Performance
1 settimana -0,74%
1 mese -1,64%
3 mesi 0,01%

Analisi Forex: USD/CHF, primi segnali di stanchezza dopo il recente uptrend

Dopo dieci sedute il cambio comincia a dare i primi segnali di cedimento, una presa di respiro sembra alle porte. Impostiamo le strategie operative

In dieci sedute il cambio USD/CHF raggiunge quota 0,9920 dal minimo segnato lo scorso 21 settembre a 0,9542. Il recente momentum rialzista, tuttavia, potrebbe essere giunto alla fine. Le forze rialziste con la candela di venerdì scorso hanno infatti lanciato il primo segnale di stanchezza disegnando una candela di inversione.

Con il superamento del livello statico a quota 0,9789 la view, chiaramente ribassista, ha cambiato polarizzazione: sono i tori ad avere il controllo in questo momento, ma sarà importante rimanere al di sopra del livello statico precedentemente menzionato, se si dovesse verificare un movimento correttivo.

Al tal proposito un eventuale ritracciamento, potrebbe portare le quotazioni ad un test della trendline discendente di medio periodo che collega i massimi decrescenti segnati il 13 luglio e il 15 agosto, ora transitante a 0,9847.

Questo potrebbe essere un ottimo livello al quale attendere segnali di natura rialzista in linea con il recente andamento delle quotazioni. Se questo livello dovesse essere violato la prossima area di interesse per i compratori sarebbe a quota 0,9789. Una chiusura al di sotto di questo livello comprometterebbe non di poco l’attuale view rialzista.

Alla luce della price action del cambio USD/CHF si vuole privilegiare un operatività di tipo long solo con una chiusura al di sopra del massimo della candela Pin Bar ribassista di venerdì scorso a 0,9955. In tal caso un primo obiettivo potrebbe essere identificato a quota 1,0055 livello di resistenza di lungo termine. Obiettivo finale a 1,0100, top segnato nel mese di maggio 2017.

Se il recente momentum rialzista, proprio alla luce della candela di inversione di venerdì, dovesse interrompersi portando ad un calo delle quotazioni, si potrebbero implementare strategie di natura ribassista con una chiusura al di sotto del minimo della Pin Bar a 0,9910. In tal caso un primo obiettivo di profitto sarebbe posto nei pressi del livello statico a 0,9789, obiettivo più ambizioso a ridosso della trendline supportiva di lungo periodo che collega i minimi segnati a febbraio con i recenti minimi segnati a settembre, ora transitante a 0,9566.

SCENARIO LONG

Long da 0,9955 con stop loss fissato a 0,9910, target intermedio a 1,0055, target finale a 1,0100.

SCENARIO SHORT

Short da 0,9910 con stop loss fissato 1,4865, target intermedio a 0,9789, target finale a 0,9566.

Iscriviti ora alla newsletter di Money.it

Scopri le ultime analisi e notizie dal mondo dell’economia, della finanza e del Forex.