Walmart: 500 nuovi punti vendita in Cina

Walmart raddoppia la sua presenza in Cina, malgrado lo scenario di rallentamento economico del Paese. I dettagli

Walmart: 500 nuovi punti vendita in Cina

Walmart aprirà 500 nuovi punti vendita in Cina nei prossimi 5 anni. La mossa, annunciata solo venerdì, rappresenta un raddoppio della presenza della compagnia nel Paese, che a questo punto si prepara a diventare il più grande mercato di generi alimentari a livello globale entro il 2023.

Il piano d’espansione arriva proprio mentre l’economia cinese - la seconda maggiore al mondo - affronta un periodo di sofferenze. Da Pechino si registra un rallentamento della crescita, sulla scia della prolungata guerra commerciale con gli Stati Uniti.

La crescita del PIL nell’ultimo trimestre ha segnato il suo livello più basso degli ultimi 30 anni; tuttavia, i consumatori cinesi sono ancora molto attivi sul fronte spese, e questa è una buona notizia per Walmart.

Le vendite del colosso USA sul territorio sono cresciute del 6,3% nell’ultimo trimestre rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, e quindi a un ritmo molto più elevato della sua crescita globale, ferma al 2,5%.

LEGGI ANCHE: Walmart vuole robot nei suoi supermercati

Walmart: 500 nuovi punti vendita in Cina

A inizio anno, Walmart ha annunciato di aver messo in preventivo un investimento di oltre 1 miliardo di dollari nelle sue attività cinesi, così da affrontare la crescente concorrenza di rivali locali e rivenditori online.

La società ha dichiarato che generi alimentari e acquisti telematici rappresentano fattori chiave della sua espansione in Cina. Ha anche annunciato un “ammodernamento di più di 200 punti vendita” sul territorio nei prossimi anni, con l’aggiunta di elementi come i registratori di cassa self-service, che consentono il pagamento tramite riconoscimento facciale.

Secondo James Ku, vicepresidente di Walmart China, l’azienda sta sfruttando “strategie multiformi per offrire ai clienti valore e convenienza”:

“Continueremo a collaborare con diversi partner e rappresentanti politici cinesi, al fine di accelerare la nostra espansione”.

Walmart ha venduto il suo sito di e-commerce cinese Yihaodian a JD.com, nel 2016. JD.com, secondo maggior player e-commerce in Cina dopo Alibaba, ora mette a disposizione l’acquisto di generi alimentari e altri vari prodotti Walmart sulla sua piattaforma di shopping online.

L’unione con JD rappresenta un’ulteriore espansione cinese per la società, che rafforza la sua posizione sul territorio e va a insidiare Fresh Hippo di Alibaba, lanciato nel 2016 e noto anche come Hema.

La società di ricerca IGD Asia ha dichiarato a inizio anno che la Cina supererà gli Stati Uniti diventando il maggior mercato di generi alimentari al mondo entro il 2023, con le sole vendite online pronte a segnare quote superiori ai 205 miliardi di dollari.

La spesa telematica è guidata dalla classe media in rapida crescita, dall’elevato utilizzo di smartphone e dalle enormi possibilità di accesso alla connessione ad internet.
Walmart ha fatto il suo ingresso in Cina più di 20 anni fa; a gennaio di quest’anno aveva 443 punti vendita nel Paese, tra il marchio originario e la catena di cui è proprietario, Sam’s Club.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su Walmart

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

\ \