Superbonus semplificato: agevolazioni per alberghi e con condono in corso. Le novità

Rosaria Imparato

28 Aprile 2021 - 11:29

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Il superbonus semplificato prende forma: il DL Semplificazioni, previsto entro maggio, prevede che il 110% sia esteso anche ad alberghi e pensioni, così come per i condomini con condono in corso. Novità anche sulla Valutazione di Impatto Ambientale.

Superbonus semplificato: agevolazioni per alberghi e con condono in corso. Le novità

Superbonus 110% semplificato, in una bozza del DL Semplificazioni si intravedono le novità allo studio del Governo. L’obiettivo è quello di ampliare la platea di beneficiari da un lato, estendendo il 110% anche agli alberghi, e dall’altro riducendo la burocrazia che avvolge tutti i passaggi per accedere all’agevolazione.

Il Governo Draghi ha formalmente preso l’impegno di prorogare il superbonus 110% fino al 2023, ma non nel PNRR: sarà la Legge di Bilancio 2022 a occuparsene.

Per quanto riguarda invece le semplificazioni, il ministero della Transizione Ecologica sta mettendo a punto un decreto legge, da varare entro maggio. Tra le tante novità, si dovrebbero aprire le porte del superbonus anche con condono in corso. L’obiettivo è anche tagliare i tempi per ottenere i documenti e le autorizzazioni necessarie.

Superbonus semplificato: agevolazioni per alberghi e con condono in corso. Le novità

La promessa del Governo Draghi è quella di avere pronto il decreto sulle semplificazioni del superbonus 110% entro il mese di maggio 2021.

La richiesta di semplificare gli aspetti burocratici è stata oggetto di richieste da parte di tutti gli operatori coinvolti: dai professionisti che devono apporre il visto di conformità, alle imprese che effettuano i lavori, passando per il Parlamento.

Considerati tutti i documenti e le certificazioni da richiedere prima, durante e dopo gli interventi di riqualificazione energetica e riduzione del rischio sismico, è senza dubbio un lavoro impegnativo.

Nella bozza del DL Semplificazioni si lavora da un lato per snellire la burocrazia, e dall’altro per ampliare la portata del 110%. Questo secondo punto va tenuto in considerazione: le porte del superbonus infatti potrebbero aprirsi ad alberghi e pensioni, finora esclusi dai beneficiari dell’agevolazione.

La decisione è stata presa partendo dal fatto che il superbonus, nonostante l’indubbia convenienza (tuttavia è da sottolineare che non tutte le spese sono detraibili), non sia stato richiesto da tutti i potenziali beneficiari, probabilmente proprio per la farraginosità delle procedure: insomma, senza una semplificazione della burocrazia, questo circolo vizioso continuerebbe all’infinito.

Proprio per questo motivo il DL di maggio dovrebbe intervenire anche sulla possibilità di ottenere il 110% anche per i condomini che hanno domande di condono edilizio in corso.

Superbonus semplificato: la Valutazione d’Impatto Ambientale

Nella bozza di decreto legge con misure urgenti in materia di transizione ecologica si parla anche delle misure di accelerazione dei procedimenti di valutazione e autorizzazione ambientale.

Si legge che la Valutazione sarà sempre soggetta alla supervisione del ministero della Transizione ecologica.

La priorità verrà data ai progetti di:

  • oltre 5 milioni di valore;
  • che creeranno maggiori opportunità di lavoro;
  • con scadenze non superiori a 12 mesi.

l piano prevede l’istituzione di una commissione di 40 esperti, che si occuperà delle Via statali e dei progetti attuativi del PNRR.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories