Rottamazione cartelle, ultima chiamata oggi 6 settembre 2021: chi deve pagare?

Rosaria Imparato

6 Settembre 2021 - 11:42

condividi

Pace fiscale, oggi 6 settembre 2021 è l’ultimo giorno per versare le rate della rottamazione ter: ma chi deve pagare?

Rottamazione cartelle, ultima chiamata oggi 6 settembre 2021: chi deve pagare?

Oggi 6 settembre 2021 è l’ultima chiamata per pagare le rate della rottamazione ter. La scadenza è già comprensiva dei 5 giorni di tolleranza tipici della pace fiscale.

Si tratta quindi dell’ultimo giorno utile per effettuare il pagamento di quanto dovuto al Fisco. Dopo il periodo di sospensione delle attività, iniziato l’8 marzo 2020, la Riscossione ha ripreso a inviare le notifiche e gli avvisi.

Ma chi deve pagare entro oggi, pena la perdita dei benefici della pace fiscale?

Rottamazione cartelle, ultima chiamata oggi 6 settembre: chi deve pagare?

La scadenza di oggi 6 settembre incorpora già i 5 giorni di tolleranza della pace fiscale. Il termine ultimo originario, quindi, era il 31 agosto 2021.

Ma chi riguarda questa scadenza? Si tratta dell’ultima chiamata per i contribuenti che hanno aderito alla rottamazione ter nel 2020. In particolare, sono chiamati alle casse i contribuenti con rate in scadenza al 31 maggio 2020.

La Riscossione è stata sospesa per un lungo periodo a causa dell’emergenza sanitaria: per oltre 17 mesi, vari decreti hanno prorogato lo stop dell’attività, iniziato l’8 marzo 2020 e finito il 31 agosto 2021. Dal 1° settembre sono quindi riprese le procedure ordinarie di riscossione, così come l’invio di notifiche e atti.

Si sono però accavallate le rate del 2020 e del 2021 della pace fiscale. Le rate del 2020 sono quindi state “spalmate” con cadenza mensile.

Pace fiscale, le prossime scadenze per pagare le rate del 2020

Le prossime date da evidenziare sul calendario sono:

  • 30 settembre 2021, per la rata in scadenza il 31 luglio 2020 (rottamazione-ter e saldo e stralcio);
  • 31 ottobre 2021, per la rata in scadenza il 30 novembre 2020 (rottamazione-ter).

Anche per i prossimi appuntamenti verranno applicati i 5 giorni di tolleranza della pace fiscale (quindi per esempio il pagamento entro la scadenza del 30 settembre viene considerato valido fino al 5 ottobre 2021).

Come effettuare i versamenti per le rate del 2020? Il contribuente deve usare i bollettini corrispondenti ai pagamenti non ancora effettuati contenuti nella “Comunicazione delle somme dovute” già in possesso.

Rispettare le scadenze è di fondamentale importanza in particolar modo quando si hanno debiti col Fisco: chi paga oltre il termine prestabilito, infatti, non solo decade dai benefici della definizione agevolata, ma rischia di andare incontro alle azioni di recupero dell’Agenzia delle Entrate-Riscossione.

Iscriviti a Money.it